Virtual Box...need info..:con il multiboot ho gia fatto tanti casini...

47 risposte [Ultimo messaggio]
Ritratto di mauriziod
mauriziod
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/06/2009
Messaggi: 1761

Scusa se ti rispondo adesso ma sono stato malato.

Le guest-addition funzionano per Windows ma per Linux non c'è bisogno (io non le uso), e provando vedo che non si montano dunque un problema in meno. Comunque una volta installate valgono per tutti i Windows che virtualizzi.

Aggiornamenti:

  • - Gli aggiornamenti nei OS virtualizzati se sono di sola sicurezza puoi evitarli in quanto se fai uno snap (in italiano "istantanee") poi tornare allo stato precedente alla infezione COME NUOVO.
  • - Se sono aggiornamenti di "migliorie" puoi arrischiarti di farle oppure se ti va bene in un certo modo te ne freghi. Se l'aggiornamento fa casini puoi ritornare con lo snap
  • - Se sono aggiornamenti di veri buchi nei programmi invece diventano indispensabili.

Di solito nelle aziende si procede con aggiornamenti annuali. Ci sono Windows virtualizzati che da anni che non vengono minimamente aggiornati!

Dato che puoi "scattare" uno snap (consiglio di farlo subito con un ambiente nuovo o dopo aver istallato un programma nuovo o dopo un certo tempo d'uso) se si presenta una infezione (virus o spyware o altro) puoi tornare indietro di uno snap. Dunque basta che ogni tanto fai un giro con un antivirus gratuito tanto per controllare che non sei infetto e pertanto non serve un antivirus installato e sempre acceso. Con Windows 7 le protezioni di base sono più che sufficienti, al massimo procurati un antivirus in più (non del MS) per il controllo settimanale.

I virus che dovessero prendere il controllo del Windows virtualizzato girano solo dentro il Windows virtualizzato! Dunque possono infettare qualche altro PC solo scambiando files con un'altra macchina oppure se gli (zombi) dai un accesso internet libero.

I driver per Windows 7 (da Win2000 in poi) NON servono in quanto già al suo interno monta i drivers per le macchine virtuali (i drivers devono essere per il tipo di macchina virtuale e non per il tipo PC o hardware montato realmente) e quindi si è già auto-settato!

SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Leap 15.1 (64bit) KDEE 5.12
SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Tumbleweed (64bit) KDE 5
Miao

Ritratto di loekie
loekie
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 27/11/2012
Messaggi: 125

Macchè....anzi, non è che si deve essere a disposizione di noi neofiti solo perchè siamo neofiti....anzi, sono io che ti ringrazio...
Non posso fare molte prove perchè attualmente lo spazio nella mia home è molto limitato, di conseguenza lo è nella VB. Ma mi chiedo, quindi nella VB, ad esempio con windows 7 in virtuale, si possono eventualmente installare chesso programmi vari...come se fosse windows reale? Oppure se collego il mio Blackberry, pensi che possa fare le dovute sincronizzazioni? E se collego una stampante?

Lo so sono domande che piu che risposte forse necessitano dei test diretti....ma boh ci provo, magari hai delle risposte...

Se guardi i messaggi precedenti si vede lo stato attuale del mio portatile...un multiboot di 3 OS, con poi 3 partizioni belle grandi in NTFS per conservare dati, piu le partizioni windows...

Il mio progetto è un unico OS....OpenSuse, piu una o 2 partizioni dati, e windows 7 in VB, ovviamente poi lo spazio maggiore mi permetterà di provare piu distro linux e forse anche MAC.
Forse ho risolto il problema che avevo con windows senza fare un immagine del mio windows installato....procurandomi una ISO generica ma installabile ed usabile in quanto ho una regolare licenza, anzi l'ho migliorata perchè da 32, l'ho fatta diventare a 64bit.
L'unico problema è che....uffa devo risalvarmi tutti i dati è poi rifare le partizioni...e poi reinstallare ancora tutto...

Ritratto di mauriziod
mauriziod
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/06/2009
Messaggi: 1761

È un "Windows reale"! Puoi installarci programmi (qualsiasi!), giocare con qualsiasi gioco Windows (il mio "virtuale" risulta leggermente più veloce e fluido), fare di TUTTO! Anzi di PIÙ!

Poi spostare (dato che mi dici che avresti poco spazio) la macchina virtuale da ogni parte!!! (anche duplicarlo!) Se nella Home sei limitato puoi spostarlo (non virtualbox ma solo la virtualizzazione del OS scelto) come faccio io in un disco esterno USB o altra parte basta che sia sempre "scrivibile".

Logico che se alla partenza di virtualbox non si ritrova il disco esterno ti lancia un messaggio d'errore, ma non farci caso clicca su annulla e continua... Ovviamente se quel virtuale lo vuoi usare e si trova su un disco esterno devi collegarlo questo disco se non "ciccia". Non serve più quel OS virtualizzato? L'elimini o lo muovi su un DVD o altro.

Ti serve più memoria? L'aumenti! Più memoria video? L'aumenti! Serve più disco? L'aumenti! Logicamente il tutto nelle disponibilità hardware di base.

L'unica cosa che l OS montato in virtualbox non sente direttamente il tuo hardware reale ma vede solo quello che gli fa vedere Virtualbox e poi per lui è reale solo l'Hardware virtuale di virtualbox!

Dunque se lo deve usare Windows (nella macchina virtuale) lo deve vedere (non vuol dire usarlo ma che lo identifichi solamente) anche Linux. Esempio: Se possiedi una stampate che non funziona con Suse ma Suse sente che c'è qualcosa di collegato, puoi (logicamente se possiedi i driver Windows per quella stampante) utilizzarlo con Windows nella macchina virtuale! L'unico problema che può sorgere (raramente) è aprigli uno spiraglio maggiore nella macchina virtuale (di base è limitato per protezione) perchè possa ben collegarsi. Molti usano il programma Windows dato dal costruttore del cellulare su macchina virtuale Windows e poi portano le foto o altro in Linux e per questo usano una cartella condivisa virtuale (è una cartella di Linux che vede come reale anche in Windows virtualizzato come "reale").

Il problemaccio è se Linux non vede niente di collegato!!! Ma questo, ora, è rarissimo! Poi può accadere che Linux non vede (esempio) il cellulare collegato al USB ma magicamente lo vede collegato nel Windows virtuale e quindi non esiste nessun problema.

Questo è anche un vantaggio (salvo se non produci driver o parti di Windows) perchè non devi impazzire con drivers di vario tipo come: Scheda grafica, scheda madre, usb, suono, rete, ecc.. Salvo nel riconoscimento dispositivi strani/esterni al PC tramite USB e porte come le stampanti. Altro vantaggio è che puoi tornare ad uno snap precedente (oppure una copia del tuo disco virtuale conservato dove vuoi) se succedono casini di aggiornamento, tuoi pasticci, virus, sabotaggi (una virtualizzazione è più protetta), ecc.. Infatti Windows 8 è diventato un OS virtuale in macchina di virtualizzazione (c'è solo il motore) EMC - WMware (è un'altro programma come VirtualBox) proprio per risolvere tutti i problemacci di Windows grazie al fatto che parte del motore è in EFI (UEFI BIOS).

Linux virtualizzato c'è da decenni (XEN è un esempio di questo e per questo complicato), per renderlo standard e facile, mancava il supporto BIOS (un programma preinstallato in una speciale memoria del tuo PC che parte e "prepara" all'inizio il PC prima del caricamento del OS) che sciaguratamente ora i produttori di Hardware hanno scelto UEFI che si appoggia ad EFI di Microsoft. La Microsoft, ovviamente (e storicamente) fa di tutto per eliminare i concorrenti con ogni mezzo al limite del legale ma tantissimo IMMORALE! Comunque stanno preparando i "pinguini" la contromossa di usare anche EFI con Linux alla facciaccia (e faticaccia di renderlo incompatibile con Linux) della Microsoft.

Insomma l'ambiente virtuale è tutto da provare e alla fine (capiti i meccanismi base che non sono difficili, in Linux èpiù complicato istallarlo che usarlo) è mille volte meglio di una classica partizione!

--

Posso capire lo sconforto di reinstallare tutti i programmi e i dati. Per questo dico di fare una immagine disco di Windows e poi usarla per la virtualizzazione. In definitiva con il tuo sistema, per esperienza, scoprirai molti dati che non ti servono, cartelle in più inutili (di programmi che disinstallasti o che non usi più, ecc..), casini nascosti pronti ad esplodere, programmi da aggiornare o sistemare meglio, ecc. ecc. => Dunque non è una brutta idea in fondo e anzi un lavoro che dovevi fare lo stesso anche sul Windows normale!

Big Grin

SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Leap 15.1 (64bit) KDEE 5.12
SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Tumbleweed (64bit) KDE 5
Miao

Ritratto di loekie
loekie
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 27/11/2012
Messaggi: 125

Senti vorrei chiederti un ultimo consiglio, poi con calma provvederò a rimettere in sesto il pc....
Allo stato attuale ho 3 partizioni NTFS da 103gb solo per dati e film....ovviamente i dati in realta non occupano così tanto spazio anzi...molto poco in confronto...
Dovendo poi preparare l'hdd per un unic OS principale (OpenSuse), e poi dedicando una o due partizioni per i dati, mi chiedevo se queste partizioni dati ora in NTFS, e meglio ripartizionarli tipo EXT4 per linux o lasciarle in NTFS, che penso inutile dato che windows è virtuale...?

Ritratto di mauriziod
mauriziod
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/06/2009
Messaggi: 1761

Ti consiglio con 103GB di dati di prenderti un HD esterno Wink Adesso ci sono offerte di quelli da 500GB da quasi 40euro e da 1Tera da 80euro (senza contare il refu dei mercatini da 20euro o meno da 200-300GB) e non c'è bisogno di USB3 o "super-velocità" per i dati domestici o anche Emule/Torrent.

Tanto un backup fa sempre bene e alla fine quello spazio può sparirti in un attimo se inizi "caricare di brutto".

----

C'è una discussione da farti leggere in cui consigliavo partizionare con EXT3 (va bene anche ext2) con varie informazioni :

http://www.suseitalia.org/forum/installazione/partizione-ntfs

Ovvio che Windows leggendo un disco esterno in EXT3 DEVE avere i driver EXT montati (esempio se USB) mentre se è una parte condivisa da Virtualbox (una cartella condivisa e settata in impostazioni di Virtualbox, come esempio una parte di hard disk) passa per i driver di Linux e le conversioni di Virtualbox e quindi per il Windows virtuale è trasparente che sia formattato in qualsiasi tipo immaginabile che per lui è sempre NTFS anche se non lo è e quindi legge/scrive tranquillamente.

ATTENZIONE: Non usare defrag/scandisk di Windows su una partizione EXT Surprise perché vedendolo come se fosse NTFS (ma in realtà non lo è) lo danneggeresti! EXT NON ABBISOGNA DI SCANDISK O DEFRAG!!! Per il resto vai tranquillo.

SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Leap 15.1 (64bit) KDEE 5.12
SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Tumbleweed (64bit) KDE 5
Miao

Ritratto di loekie
loekie
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 27/11/2012
Messaggi: 125

No...mi sono spiegato male, io ho 3 partizioni da 103gb l'una, ma non sono piene, le ho solo preparate, in realta il mio hdd è nuovo, l'ho preso un mese fa ed è da 500gb.
Da poco sto scaricando roba ma avro si e no una decina di gb tra ISO e films....
Per cui mi chiedevo se era il caso di lasciarle in NTFS o prepararle in altri formati...

Ritratto di mauriziod
mauriziod
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/06/2009
Messaggi: 1761

Per me per adesso lasciale, tra poco vedrai quale spazio ti serve, esempio se Suse si ingrossa li prepari EXT, se solo dati (non dischi virtuali) poi lasciarle NTSF7 (ogni tipo di Windows possiede un suo NTFS particolare) oppure convertirlo in EXT 3 0 4 come ti gira.

Nota: Suse preferisce EXT4

SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Leap 15.1 (64bit) KDEE 5.12
SO: Linux desktop Sistema: OpenSUSE Tumbleweed (64bit) KDE 5
Miao

Ritratto di Alfio
Alfio
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 30/08/2005
Messaggi: 2678

Posso darti un consiglio?
La prima cosa da fare è capire un sistema operativo con un kernel linux.
Devi imparare un pò di base per capire tante cose.
Ricordati che la console è il tuo migliore amico per capire tanti errori .
Poi devi capire la gerarchia delle partizione attraverso root.... ecc
Insomma posso consigliarti che oltre a smanettare cercare di acpire cosa si sta facendo .Naturalmente usando google e magari un pò di inglese.
Ciao Batting Eyelashes

Ritratto di loekie
loekie
(Geek)
Offline
Geek
Iscritto: 27/11/2012
Messaggi: 125

Vedi...il punto... non è che io non voglia o non possa, o magari non sia in grado di capire un sistema operativo con un kernel linux, o imparare la base, e meglio ancora... la console o tutto il resto che gentilmente mi hai consigliato. Il punto è che a seguito (e questo un mese fà...), di sostituzione di hdd in quanto danneggiato, ho ripristinato a nuovo il mio portatile. Durante questo mese ho iniziato a non usare Windows, installando Mint 13, e successivamente sono passato a OpenSuse. Da poco mi balena l'idea di non essere piu dipendente da Windows e tutto cio che lo riguarda.

Forse tu non te ne rendi conto ma passare da windows ad un sistema Linux (...e qui parlo di Mint...), dopo un bagaglio di quasi 20 anni di windows, ti posso assicurare che è gia di suo un bel trauma....ora dopo neanche un mese uso quasi sempre OpenSuse....che è un pochino piu difficile di Mint, capisci che il trauma è ancora piu forte...
Ora sono concentrato per lo più a rimettere in sesto al meglio il mio pc, ma in ogni caso io non sono laureato in Informatica, e non avrei nemmeno il tempo da dedicare al Kernel di Linux.
Certo come dici tu qualche ricerchina con google non guasta, ma chi ti dice che non l'abbia fatta....?

Da dire comunque che in una community non è neanche bello dire fa una ricerchina con google e troverai cio che cerchì...che senso ha allora la community...forse scambio di opinioni e recensioni tra guru?
E poi che centra l'inglese....
Che ne sai? E vero ora il mio Inglese è un po arrugginito, ma io anni fa vivevo all'estero....parlando sempre e solo Inglese, fino poi aver imparato anche l'Olandese...e senza nemmeno andare a scuola...lo so questo non vuol dire nulla, ma solo per dirti che non sai chi cè sulla tastiera...

Ad esempio....è bello dire...che la console è il mio migliore amico....
Così però non mi dici nulla....meglio sarebbe stato...ciao "usa questi comandi ...........ti serviranno a........"
Sennò....be ... se non scrivi nulla io non mi offendo mica....

Be mi fermo qui, non voglio essere polemico e spero comunque di non essere stato in qualche maniera offensivo ne con te ne con la community, ma ci tenevo a contrariare parte dei tuoi consigli, soprattutto visto che non si hanno le persone davanti....non le vedi, non mi vedi, e non puoi sapere...
Ciao

Ritratto di Alfio
Alfio
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 30/08/2005
Messaggi: 2678

Scusmai se in qualche modo ti ho turbato non era mia intenzione.
Non mi offendo tranquillo qui si sta solo dialogando.
Quello che volevo dire è vero chi viene da windows si trova in difficoltà ma e anche vero che la community di linux e immensa con guide consigli e tanto altro ancora .
Beato te io non so l'inglese ma ho sempre cercato di capire le cose che facevo in linux.
Anche windows può insegnare tanto e solo che la sua gui fa in modo che tutto viene nascosto anche la powershell di windows ha molto da insegnare.
Quello che volevo dire è questo:
Nelle partizione di linux non sei obbligato a usare partizione primarie mentre su windows si.
La gerarchia delle partizione in linux e molto importante fa capire tante cose ma anche di come sia semplice per definizione dove vanno a finire i file di configurazione del sistemna operativo e dei programmi.
Questo fa in modo da sapere su quale aprtizione agire o file di configurazione.
Per quanto riguarda la console esiste il comando MAN accompagnato dal comando puoi sapere tutta la sua descrizione.
Ad esempio http://www.linuxguide.it/command_line/linux_commands_it.html guarda qui .
Ciao