Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Mer, 16/05/2007 - 23:38

Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Inviato da ap1978 39 commenti

Vista è il sistema più veloce ad essere stato venduto di tutta la storia: 40 milioni di licenze in 100 giorni, circa 400.000 al giorno.

In pratica sono serviti:

8 settimane per superare gli utenti Mac
3 giorni per superare il numero di utenti desktop di Linux
4 giorni per superare le vendite di MS

Fonte: http://www.newlaunches.com/archives/windows_vista_sells_40_million_licenses_in_100_days_the_fastest_in_history.php


In:



Commenti

Ritratto di janocrimi
#1

Inviato da janocrimi il Lun, 25/06/2007 - 17:35.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Essere leader mondiali nella produzione e vendita, in generale, non significa essere il + bravo nel costruirlo, ma essere quello che ha venduto d +.

Se volessimo fare un piccolo esempio tutto italiano, Fiat vende molto di + di Ferrari, non per questo Fiat fa macchine migliori.

Io credo che il vecchio zio Bill vende molto per inerzia:
mi spiego meglio:

Molta gente quando compra un pc e deve scegliere cosa far mettere su non conosce quali sono le possibilita' e chiede al negoziante (spesso e volentieri al negoziante conviene vendere Merdowsoft) e ti dice che e' il migliore sistema, tu tutto sommato fai la considerazione "Se tutti i miei amici hanno Winzoz possono prestarmi qualche sw e qualche giochino.", magari senza sapere che potrebbero avere tanto sw con Linux senza chiedere nienete a nessuno.

Credo che questo sia un motivo + forte della solita: "il windows e' facile da usare e linux no",
anche perche' come Noi sappiamo il Windows oggi non e' affato semplice da usare come poteva essere Win98, + tosto a me sembra che alcune distro (SuSE, Mandriva, Ubuntu, Fedora) siano anche + semplici da usare di winzoz, e intendo dal punto di vista di chi non ha mai visto un PC prima.

Ovviamente ce ne sono anche altri di motivi per cui Bill vende cosi' tanto
solo che un post e' troppo poco



Ritratto di janocrimi
#2

Inviato da janocrimi il Lun, 25/06/2007 - 17:47.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

infatti aggiungo un'altro post:

Altri motivi potrebbero essere il fatto che le licenze di Bill Gay le devi fare via telefono e sei obbligato a registrare i prodotti, anche se non ti interessa ne' l'assistenza ne altro.

Per quello che riguarda le grandi imprese o le pubblica amministrazione invece:

Qualcuno propone loro Windows rivolgendosi a chi non ha mai fatto un VERO corso di informatica (per esempio i dirigenti). Questa gente si riempe la bocca di parole come "Leader di mercato" , "affidabile" , "sicuro" etc... e infinocchiano il povero dirigente di turno offrendo anche compatibilita' con gli standard di mercato e con tutte le aziende loro partner che hanno sistemi merdowsoft (e siamo sempre nel concetto di inerzia).
Raramente qualcuno si presenta loro dicendo "sono un esperto Linux, adesso le faccio un preventivo." che di solito e' maggiore di quello che il Merdowsista propone. La differenza sta nel fatto che quando il Linuxista dice "sicurezza" di solito sa di cosa sta parlando, stesso dicesi per le altri termini con cui si riempiono la bocca i vari BillGayisti, come "affidabilita'", "semplicita' d'uso", velocita', prestazioni etc.. etc...

IMHO Il fatto e' che chi propone merdows di solito e' un VENDITORE, chi propone Linux e' un informatico.
Ovviamente il venditore sa Vendere meglio dell'informatico per definizione.

Scusate per lo sfogo. 8-)



Ritratto di ferdybassi
#3

Inviato da ferdybassi il Lun, 25/06/2007 - 19:15.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Beh, non è proprio così semplice...
Ti inviterei comunque a mantenere un linguaggio civile: cosa diresti se uno che usa un Apple chiamasse il pinguino merdux??
E' questione di civiltà...

Amministratore di
www.it-opensuse.org



Ritratto di Alfio
#4

Inviato da Alfio il Lun, 25/06/2007 - 19:23.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Io amo windows e non voglio sentire che mi offendete il mio sistema operativo.
per par condicio teniamoci sul civile.
Ciao Wink



Ritratto di anubis
#5

Inviato da anubis il Lun, 25/06/2007 - 20:07.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

vabbè io widows l'ho sempre chiamato WINZZOZ...

Laughing Laughing Laughing

non per offendere comunque!

OpenSUSE Member,Packman Packager, Education Project Admin, LXDE Project Admin
Powered by http://en.opensuse.org/HP_Pavilion_dv6855el



Ritratto di ferdybassi
#6

Inviato da ferdybassi il Lun, 25/06/2007 - 22:45.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Quote:

Qualcuno propone loro Windows rivolgendosi a chi non ha mai fatto un VERO corso di informatica (per esempio i dirigenti). Questa gente si riempe la bocca di parole come "Leader di mercato" , "affidabile" , "sicuro" etc... e infinocchiano il povero dirigente di turno offrendo anche compatibilita' con gli standard di mercato e con tutte le aziende loro partner che hanno sistemi merdowsoft (e siamo sempre nel concetto di inerzia).
Raramente qualcuno si presenta loro dicendo "sono un esperto Linux, adesso le faccio un preventivo." che di solito e' maggiore di quello che il Merdowsista propone. La differenza sta nel fatto che quando il Linuxista dice "sicurezza" di solito sa di cosa sta parlando, stesso dicesi per le altri termini con cui si riempiono la bocca i vari BillGayisti, come "affidabilita'", "semplicita' d'uso", velocita', prestazioni etc.. etc...
IMHO Il fatto e' che chi propone merdows di solito e' un VENDITORE, chi propone Linux e' un informatico.
Ovviamente il venditore sa Vendere meglio dell'informatico per definizione.

Faccio una premessa: IO ODIO DIFENDERE WINDOWS...
Il fatto è che secondo me post del genere, e soprattutto un tale modo di pensare e di esprimersi, è il più grosso calcio nel culo che si può dare a Linux...
Il discorso è secondo me un po' più ampio e complesso di come lo si dipinge in questo commento. Vediamo se riesco a spiegarmi.
1) La diffusione di Windows. E' vero, in parte è frutto di un regime di (semi)monopolio. In parte però bisogna ammettere che la frammentazione di Linux lo rende difficile da proporre. Si propone Red Hat, o SUSE Enterprise, o ancora Debian? Sono mondi diversi, dotati di politiche commerciali diverse, licenze diverse, prezzi diversi, sistemi di supporto diversi, e il tutto non facilita certo la scelta del possibile cliente...
C'è poi da dire che spesso i server di marca (penso a IBM o HP) offrono driver per Linux solo per le distribuzioni commerciali (Red Hat e SUSE) e quindi ricadiamo comunque in un esborso per il cliente, il quale sarà portato a fare questo ragionamento: "pagare per pagare, tanto vale mettere Windows, che almeno a amministrarlo ci può pensare mio figlio, e non un consulente come ferdybassi che chiede parecchi $$"
2) Poi c'è da affrontare la questione che non tutti quelli che sono costretti a installare dei server nella loro azienda sono dei tecnici informatici. Spesso è gente che ha solo un'infarinatura, che magari ha usato solo Windows e non sentendosi sicura preferisce affidarsi a qualcosa di familiare...
3) Per interfacciarsi con la pubblica amministrazione (Istruzione, Tesoro, etc...) si è quasi obbligati a usare Windows. Il Ministero dell'instruzione manda le sue circolari in formato doc e le tabelle per il conteggio delle ore in formato xls infarcito di macro scritte in VBA (Per non parlare del mitico SISSI in Rete). Per quanto riguarda il Tesoro faccio una sola domanda: avete mai provato a installare Entratel su Linux? Io sì, ed è un delirio...
Quindi, al posto di sparare generiche accuse a "Bill Gay", "Merdows" o ai commerciali, bisognerebbe andare alla sorgente del problema. E la sorgente parla di gente ammanicata con onorevoli e senatori, parla di software-house finanziate in toto dallo stato, che mangiano i nostri soldi e cagano fuori software orribili e mono-piattaforma, parla di politici che hanno di certo il loro tornaconto in tutto questo, perchè è più facile ricevere denaro da una Corporation piuttosto che da anonimi programmatori indipendenti...
Se non ci fosse Microsoft, ci sarebbe qualcun altro a sfruttare tutto questo mondo marcio...
La gestione degi appalti informatici non è poi tanto diversa dalla gestione dei rifiuti a Napoli, o della TAV in Val Susa, o delle mine antiuomo in Afghanistan... La battaglia è più grossa...
Fermarsi a generiche accuse è sterile, inutile e dispersivo...

Amministratore di
www.it-opensuse.org



Ritratto di ciskoramone
#7

Inviato da ciskoramone il Mar, 26/06/2007 - 23:56.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Monster sei un ganzo, e come si può fare allora secondo te?



Ritratto di ferdybassi
#8

Inviato da ferdybassi il Mer, 27/06/2007 - 08:14.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

Non ho la soluzione... Però ci sono secondo me alcune strade da seguire:
1) Secondo me la battaglia globale va combattuta sul fronte dei formati. Spingere per l'adozione di formati open come standard della Comunità Europea attraverso petizioni, lettere, mail, cortei, manifestazioni, etc, può essere una buona strada. Più gli standard saranno aperti più sarà facile che qualche pubblica amministrazione lungimirante incominci a passare a Linux (in Francia, Norvegia, Svezia e da qualche altra parte stanno già incominciando a farlo...). E se le pubbliche amministrazioni cambiano, prima o poi cambierà anche chi si interfaccia con loro...
2) Poi bisogna che Linux si dia una qualche forma di standardizzazione... Sarebbe auspicabile che le principali distro usassero tutte lo stesso filesystem, in modo che un programmatore non debba creare 10 diversi installer per il suo programma, solo perchè Fedora mette alcune librerie in un posto diverso rispetto a SUSE e Debian. Io credo che l'incompatibilità dei software tra diverse distro sia uno degli ostacoli più grossi che frenano le aziende ad investire e sviluppare per Linux. Pensaci bene: tu impegneresti dei programmatori pagati con il solo scopo di studiarsi tutte le distro e creare diversi pacchetti del programma che stai sviluppando? In termini di efficienza aziendale è uno spreco di risorse...
C'è poi il problema dei drivers: il fatto che il kernel di linux cambi così pesantemente da una release all'altra rischia di rendere inutili gli sforzi di una casa produttrice di hardware. La domanda è la stessa: tu pagheresti dei programmatori per sviluppare un driver per Linux sapendo che con l'uscita del prossimo kernel potrebbe non funzionare più nulla?
Questa strada delle frammentazione delle energie ha come unico risultato che le aziende hardware non sviluppano per la comunità Linux in generale, ma si accordano direttamente con i "big" tipo Red Hat e Novell e forniscono supporto solo a loro, perchè è più facile avere delle assicurazioni di continuità e perchè è più facile avere supporto da una corporation... Però questa non è secondo me la vera filosofia che sta alla base di Linux...
3) Poi c'è la storia tutta italiana, e qui i problemi sono ancora diversi. Innanzitutto salvo poche lodevoli eccezioni chi insegna informatica a scuola non capisce nulla di informatica e si limita a insegnare il copincolla in Excel e il giustifica in Word... e quindi ci sono intere generazioni che crescono con l'equazione informatica = Microsoft.
Tutto questo ha dei risvolti nel mondo del lavoro: se chi esce dalla scuola conosce solo Windows... la conclusione la capisci da te...
Ultimo: per quanto riguarda i politici maneggioni, lì bisogna solo votare bene. Sembra facile, ma votare bene significa informarsi, partecipare alla "cosa pubblica", impegnarsi, controllare gli esiti del voto, e non fare i pecoroni...
Ma noi siamo pronti?

Amministratore di
www.it-opensuse.org



Ritratto di ciskoramone
#9

Inviato da ciskoramone il Mer, 27/06/2007 - 09:50.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

ma secondo te i docenti universitari sono influenzati dalle
multinazionali in qualche modo?
mi spiego meglio: che diavolo ci fanno fare gli esami in c++
quando esiste un linguaggio come java che è meglio sotto
la maggior parte dei punti di vista e permette un'interoperibilità di piattaforma?
Non pensi che in questo modo creino legioni di informatici che creano eseguibili in un unico ambiente (naturalmente windows).
Non ti sembra strano? Un imprenditore può avere mille grilli per la testa e può anche essere lecito che non ci capisca niente di sistemi operativi. Però un docente dovrebbe iniziarci ad una certa cultura, e invece non lo fà. Anzi ti dirò di più: mettono nel loro ufficio la bandiera del Che per far credere che l'uni è di sx. Manifestazioni, diritto allo studio. Mille belle cose ma senza sostanza quando esiste solo MATLAB che gira su Windows



Ritratto di pinguino83
#10

Inviato da pinguino83 il Mer, 27/06/2007 - 12:36.

Re: Vista ha venduto 40 milioni di licenze in 100 giorni

@ ciskoramone: veramente Matlab è disponibile anche per linux e mac, da questo punto di vista niente da eccepire.
http://www.mathworks.com/products/matlab/requirements.html

Certo esistono anche Octave e Scilab che sono open e gratuiti e in Italia tutti li snobbano ma questo è un altro discorso.

Per quanto riguarda gli esami io li ho fatti in C e Java, sono scelte delle varie università...

Pentium IV 2,4 GHz - 512 MB RAM - NVidia GeForce4 MX 420 64MB
kernel 2.6.20-16-generic - KDE 3.5.6