[Segnalazione] PulseAudio: rendiamolo utile!

1 risposta [Ultimo messaggio]
Ritratto di Mercurio
Mercurio
(Monster)
Offline
Monster
Iscritto: 10/12/2006
Messaggi: 397

Nella OpenSuSE è disponibile il nuovo sistema audio PulseAudio, un progetto interessante ma ancora agli inizi nel mondo di Linux.

PulseAudio potrebbe diventare (finalmente) uno standard per l'audio sul desktop Linux... o solo un altro malditesta, un'altra incomprensibile voce da scegliere nell'elenco periferiche di VLC.

Ho trovato che un modo per ridurre il malditesta e apprezzarne i vantaggi è far gestire *tutto* l'audio del sistema a PulseAudio. (nota: io uso GNOME)

Si può creare una scheda audio "virtuale" - impostata come "default" - che reindirizzerà il suo output a PulseAudio.

Per far questo, basta aprire gedit, incollarci questo
pcm.pulse {<br />    type pulse<br />}<br />ctl.pulse {<br />    type pulse<br />}<br />pcm.!default {<br />    type pulse<br />}<br />ctl.!default {<br />    type pulse<br />}<br />

E salvare il documento con il nome di .asound.conf nella propria home. Fine.

Conviene impostare i programmi che possono usare direttamente PulseAudio in modo da usarlo, mentre i programmi che usano alsa (VLC, Xine,) useranno tramite la scheda audio virtuale che reindirizzerà l'audio a PulseAudio.

I vantaggi si apprezzano tantissimo qualora si usino più schede audio: per esempio scollegando la scheda audio USB, Amarok continua a suonare dagli speaker del portatile senza interrompersi!, Inoltre ricollegandola, posso scegliere di far suonare Amarok di nuovo sulla USB direttamente dal mixer di sistema, senza dover stare a spippolare con la configurazione di Amarok.

Oppure, sempre con una facilità estrema, si può spostare Amarok sulla USB mentre amsn mi fa le notifiche sulle casse del portatile... sempre usando solo il mixer di sistema.

Per chi non usa schede multiple ho notato che questa soluzione comunque imposta la miscelazione software dei suoni, per far riprodurre l'audio da più programmi assieme qualora abbiate avuto problemi in questo senso Smile

Massima Zen:
Se su OpenSuSE qualcosa vuoi configulale,
il pannello di contlollo devi aplile.
(e magari sfogliare la documentazione)

Ritratto di Mercurio
Mercurio
(Monster)
Offline
Monster
Iscritto: 10/12/2006
Messaggi: 397

Alcuni svantaggi e considerazioni:

Mi sembra che PulseAudio sulla OpenSuSE 11 possa creare problemi con la sua gestione dei permessi: se si avvia una applicazione "che deve suonare" con su, gnomesu o parenti, PulseAudio si rende indisponibile per i programmi non root. (ma questa cosa devo verificarla).

Il problema maggiore di PulseAudio, come di tutto il sistema audio di Linux, non è avere poche funzionalità, ma averne troppe!

Già i driver Alsa possono reindirizzare l'audio, applicare effetti, plugin e trasformazioni (la cosa per esempio consente di creare senza batter ciglio una scheda audio virtuale come nell'esempio precedente), PulseAudio aggiunge flessibilità a flessibilità, per non parlare di Jack, e di combo PulseAudio/Jack/Alsa.

Poi ci sono molte applicazioni che usano altri server audio o i vecchi driver OSS, c'è kde3 con arts che si interfaccia a quanto sopra, KDE4 con Phonon che aggiunge un'altra interfaccia per l'utente... (anche se phonon è una benedizione).

Insomma: adesso che le tecnologie "definitive" stanno emergendo, sarebbe ora che i programmi e le distribuzioni diminuissero il numero di "controlli volume", mixer e interfacce di impostazioni che l'utente vede...

Massima Zen:
Se su OpenSuSE qualcosa vuoi configulale,
il pannello di contlollo devi aplile.
(e magari sfogliare la documentazione)