Ho provato altre distro...

Ritratto di testa88
testa88
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/10/2006
Messaggi: 776

Quote:

@ap1978: mi hai tolto le parole di bocca. Risparmio dunque il post. Dico solo che se non fosse stato per Windows, al momento chissa' quanta gente avrebbe a casa un computer... L'automazione è all'origine stessa dell'informatica. L'automazione, per essere fattibile, ha bisogno di strati su strati e regole di comunicazione tra essi (interfacce). Anche modificare manualmente un file di configurazione, anziche' usare un tool visuale, implica un'elaborazione automatizzata da parte del programma "lettore" di tale file; ciò funziona perche' entrambe le parti, utente e software, condividono la sintassi di tale file.... (Certo, si potrebbe modificare la configurazione usando un disassemblatore....) cia'

Se nn fosse x windows probabilmente sarebbe stato di un'altro SO il merito di diffondere il computer nelle case...non penso che semplicemente x il fatto che windows infetti il 95% dei computer gli sia da attribuire questo merito. Molto + difficile è stata la diffusione di linux dato che praticamente nessuno ha installato solo una distro linux, ma quasi sicuramente anche windows.
Ciao

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

testa88 ha scritto:
Se nn fosse x windows probabilmente sarebbe stato di un'altro SO il merito di diffondere il computer nelle case...non penso che semplicemente x il fatto che windows infetti il 95% dei computer gli sia da attribuire questo merito. Molto + difficile è stata la diffusione di linux dato che praticamente nessuno ha installato solo una distro linux, ma quasi sicuramente anche windows.
Ciao

Windows ha avuto la diffusione che ha avuto soprattutto per i suoi meriti, e non solo per le scorrettezze che molti imputano a Microsoft.

Microsoft era al momento giusto, nel posto giusto, e ha fatto la cosa giusta. Ha reso disponibile la tecnologia a tutti.

Il fatto che sia un monopolista, che lo abbia fatto per interesse, conta poco. I suoi rivali: IBM, SUN, Novell, Apple e altri non hanno avuto la stessa capacità.

Ed è davvero inutile dire che Microsoft ha sfruttato la sua posizione dominante. Perché all'inizio questa posizione l'aveva qualcun altro, che però non ha avuto le stesse capacità.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Riapro l'OT, intanto del confronto di distribuzioni se ne è parlato migliaia di volte, e trovo molto più interessante il discorso automazione di Linux, contro configurazione manuale, perché è davvero il punto chiave per il successo o il fallimento di questo OS.

Sono molto belli i discorsi sulla consapevolezza, la conoscenza, la comprensione del funzionamento del sistema e tutto il resto. Si deve però tenere presente la realtà degli utenti.

L'utente medio ha una conoscenza del PC e un'esigenza di conoscerlo a fondo molto bassa. Molti di essi usano il computer come macchina da scrivere, per fare qualche semplice calcolo e per giocare. Trovano complicato installare una webcam o una stampante con Windows, dove la procedura più complicata è:

- Inserire il CD
- Attendere che parta
- Seguire le istruzioni, che spesso dicono "Premi Next"
- Collegare la porta USB della webcam al PC.
- Usare la webcam

Onestamente queste persone non sono né preparate, né interessate ad imparare cosa sta dietro il funzionamento del PC. Se lo fossero userebbero Google e troverebbero tutte le informazioni che desiderano. Vogliono un sistema plug and play, che funzioni senza troppi intoppi, esattamente come fanno Windows e Mac OS X (per favore non ditemi che Windows da tanti problemi, lo so anche io, ma per moltissimi funziona bene).

Non mi immagino queste persone a cercare in Google le informazioni sul modulo del kernel bc2XXX (nome esotico, perché darne uno esplicativo non piace ai linuxiani), scaricarlo, installare i sorgenti del kernel, compilare il modulo, modificare la lista dei moduli da caricare e poi configuare il driver in modo che funzioni con il proprio specifico modello di webcam.

Le aziende che lavorano con Linux hanno adottato due approcci:

- L'approccio alla Red Hat, che consiste nel rivolgersi a gente esperta, non considerando Linux pronto per l'uso comune.

- L'approccio di Canonical, Novell, Linspire, Mandriva e altri, che puntano a semplificare l'uso di Linux attraverso automatismi come Yast, i pacchetti KMP, l'installer dei codec.

Non c'è alcun dubbio che se vogliamo vedere Linux sul desktop, la seconda è la via da seguire.

Il purismo, l'idea che Linux debba essere configurato a mano perché è meglio e che tutti debbano comprenderne a fondo i meccanismi è semplicemente utopia. I meccanismi li capisce l'esperto, l'utente vuole usare il computer, magari conoscerne alcuni aspetti essenziali, non di certo mettere le mani nel kernel o compilarsi driver, codec e applicazioni.

Con questo, vi preannuncio che la comunità openSUSE e alcuni del team di Novell, stanno lavorando ad un modulo di yast per consentire l'installazione diretta via rete di pacchetti, tramite il "click and install".
Non conosco i dettagli, ma ho visto una demo molto interessante. Questa tecnologia risolverebbe alla radice il problema dell'aggiunta di repository addizionali per driver e codec.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di testa88
testa88
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/10/2006
Messaggi: 776

Quote:

Windows ha avuto la diffusione che ha avuto soprattutto per i suoi meriti, e non solo per le scorrettezze che molti imputano a Microsoft. Microsoft era al momento giusto, nel posto giusto, e ha fatto la cosa giusta. Ha reso disponibile la tecnologia a tutti. Il fatto che sia un monopolista, che lo abbia fatto per interesse, conta poco. I suoi rivali: IBM, SUN, Novell, Apple e altri non hanno avuto la stessa capacità. Ed è davvero inutile dire che Microsoft ha sfruttato la sua posizione dominante. Perché all'inizio questa posizione l'aveva qualcun altro, che però non ha avuto le stesse capacità.

Su qst nn sn molto d'accordo....il fatto che il vecchio bill sia una volpe negli affari nn implica il fatto che sia dalla parte del giusto.....e poi....è ogni anno sempre peggio....comunque...mi sono scaricato ubuntu 7.04 e l'ho appena masterizzato....domani lo installo...così saprò di persona se è valido Laughing
Concordo con ap per quel che riguarda la necessità di semplicità a livello "utonto"....comunque per fortuna (anche se spesso è un freno) ci sono molte distro....e sta all'utente decidere Wink così mi piace....a ognuno la sua distro.
Ciao

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

testa88 ha scritto:
Su qst nn sn molto d'accordo....il fatto che il vecchio bill sia una volpe negli affari nn implica il fatto che sia dalla parte del giusto.....e poi....è ogni anno sempre peggio....

Non ho detto che MS sia sempre stata corretta. Ma le radici del successo sono legate al merito e non solo alle mosse disinvolte dei suoi amministratori.

Ogni anno sempre peggio...beh non è vero neppure questo. Il fondo è stato toccato con Windows ME. Non ho esperienze dirette su Vista, quindi non posso dire nulla.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di Senofonte1
Senofonte1
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/01/2007
Messaggi: 924

Quote:

ap1978 ha scritto:

Sono molto belli i discorsi sulla consapevolezza, la conoscenza, la comprensione del funzionamento del sistema e tutto il resto. Si deve però tenere presente la realtà degli utenti.

L'utente medio ha una conoscenza del PC e un'esigenza di conoscerlo a fondo molto bassa. Molti di essi usano il computer come macchina da scrivere, per fare qualche semplice calcolo e per giocare. Trovano complicato installare una webcam o una stampante con Windows, dove la procedura più complicata è:

- Inserire il CD
- Attendere che parta
- Seguire le istruzioni, che spesso dicono "Premi Next"
- Collegare la porta USB della webcam al PC.
- Usare la webcam

Onestamente queste persone non sono né preparate, né interessate ad imparare cosa sta dietro il funzionamento del PC. Se lo fossero userebbero Google e troverebbero tutte le informazioni che desiderano. Vogliono un sistema plug and play, che funzioni senza troppi intoppi, esattamente come fanno Windows e Mac OS X (per favore non ditemi che Windows da tanti problemi, lo so anche io, ma per moltissimi funziona bene).

Non mi immagino queste persone a cercare in Google le informazioni sul modulo del kernel bc2XXX (nome esotico, perché darne uno esplicativo non piace ai linuxiani), scaricarlo, installare i sorgenti del kernel, compilare il modulo, modificare la lista dei moduli da caricare e poi configuare il driver in modo che funzioni con il proprio specifico modello di webcam.

Punti di vista!!
Innanzittutto bisognerebbe saper cosa si intende per utente medio: colui oramai abituato ad un sistema plug and play.........di una certà età..............incapace di addentrarsi nei meandri hardware e software............o quello ignorante, rimbecillito, poco adatto.......quindi non in "grado di".
Conosco una marea di persone (per la precisione ragazzi, miei studenti e non) che utilizzano Linux come se fossero a casa loro, poichè avendo preso confidenza con tale OS già da molto (addirittura alcuni usano Debian) e sapendosi districare con la shell come carte da gioco........ non lo mollano per alcun motivo. Quando capita loro di (ri)utilizzare Windows, vanno in crisi: firewall, antivirus, crash, malware.......e chi più ne ha ne metta.
I computer vengono acquistati dai genitori, ma l'utilizzo reale e dei ragazzi, svegli e propensi al nuovo, allo sperimentare senza indugio. In fin dei conti i forum linuxiani lo confermano e il numero varie distro scaricate anche: affluenza a non finire, non certo per un piacere velleitario, quanto per "cambiare" e passare ad altro.

La dicitura utente medio mi fa venire in mente la M$.......eheheheh

Quote:

Le aziende che lavorano con Linux hanno adottato due approcci:

- L'approccio alla Red Hat, che consiste nel rivolgersi a gente esperta, non considerando Linux pronto per l'uso comune.

- L'approccio di Canonical, Novell, Linspire, Mandriva e altri, che puntano a semplificare l'uso di Linux attraverso automatismi come Yast, i pacchetti KMP, l'installer dei codec.

Non c'è alcun dubbio che se vogliamo vedere Linux sul desktop, la seconda è la via da seguire.

E, se non sbaglio, è stata intrapresa: Yast, installazione rpm, Synaptic, Yum, condivisione pressoché automatica cartelle e stampanti con Gnome..............ecc. Non si è rimasti all'installazione testuale e alla shell forzata, ma si sono fatti passi da gigante: le attuali distro linux sono a prova di niubbo.
Il problema, semmai, è a monte: il predominio a tutti i livelli della M$........pc e portatili con XP o Vista preinstallati, prendere o lasciare; periferiche con soli driver M$..........

Il massimo della libertà di scelta!!!!

Quote:

Il purismo, l'idea che Linux debba essere configurato a mano perché è meglio e che tutti debbano comprenderne a fondo i meccanismi è semplicemente utopia. I meccanismi li capisce l'esperto, l'utente vuole usare il computer, magari conoscerne alcuni aspetti essenziali, non di certo mettere le mani nel kernel o compilarsi driver, codec e applicazioni.

Forse utopia, chissà, ma........anche il semplice utente - naturalmente non rimbecillito, ma credo che a questi livelli non si sia ancora arrivati, anzi........i ragazzi di oggi sono alquanto svegli e svelti - ha il diritto (e, volendo, la capacità) di spulciare il proprio pc, sia per l'hadware che per il software. Non trovo diversità tra la compilazione del Kernel (basta una guida ben fatta, letta a fondo e studiata a dovere), quasi mai necessario, e lo studio di un capitolo di storia dell'800. Circa la compilazione dei driver, codec..beh, non mi pare che un ./configure && make && make install sia equiparabile alla stesura di una tesi di laurea e,cmq, tra paccheti rpm e deb, repository e installatori di pacchetti.......il problema il più delle volte è superato.

Quote:

Con questo, vi preannuncio che la comunità openSUSE e alcuni del team di Novell, stanno lavorando ad un modulo di yast per consentire l'installazione diretta via rete di pacchetti, tramite il "click and install".
Non conosco i dettagli, ma ho visto una demo molto interessante. Questa tecnologia risolverebbe alla radice il problema dell'aggiunta di repository addizionali per driver e codec.

Interessante. Cmq, quanto già disponibile su Ubuntu 7.04

GRAZIE A DIO, SONO ATEO!

Il pensare è la ragione prima e ultima dell'umano essere (Senofonte1)

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

Senofonte1 ha scritto:
Punti di vista!!
Innanzittutto bisognerebbe saper cosa si intende per utente medio: colui oramai abituato ad un sistema plug and play.........di una certà età..............incapace di addentrarsi nei meandri hardware e software............o quello ignorante, rimbecillito, poco adatto.......quindi non in "grado di".
Conosco una marea di persone (per la precisione ragazzi, miei studenti e non) che utilizzano Linux come se fossero a casa loro, poichè avendo preso confidenza con tale OS già da molto (addirittura alcuni usano Debian) e sapendosi districare con la shell come carte da gioco........ non lo mollano per alcun motivo. Quando capita loro di (ri)utilizzare Windows, vanno in crisi: firewall, antivirus, crash, malware.......e chi più ne ha ne metta.
I computer vengono acquistati dai genitori, ma l'utilizzo reale e dei ragazzi, svegli e propensi al nuovo, allo sperimentare senza indugio. In fin dei conti i forum linuxiani lo confermano e il numero varie distro scaricate anche: affluenza a non finire, non certo per un piacere velleitario, quanto per "cambiare" e passare ad altro.

La dicitura utente medio mi fa venire in mente la M$.......eheheheh

L'utente medio è la persona che usa il PC negli uffici, che non ha voglia, tempo e conoscenze per addentrarsi nel mondo dei sistemi operativi.

Non devi essere di una certa età per usare un sistema plug and play, e neppure ingnorante o rimbecillito. Non è corretto etichettare le persone in questo modo solo perché si rifiutano di comprendere il funzionamento di una macchina che deve essere strumento e non fine.

Quote:

E, se non sbaglio, è stata intrapresa: Yast, installazione rpm, Synaptic, Yum, condivisione pressoché automatica cartelle e stampanti con Gnome..............ecc. Non si è rimasti all'installazione testuale e alla shell forzata, ma si sono fatti passi da gigante: le attuali distro linux sono a prova di niubbo.
Il problema, semmai, è a monte: il predominio a tutti i livelli della M$........pc e portatili con XP o Vista preinstallati, prendere o lasciare; periferiche con soli driver M$..........

Il massimo della libertà di scelta!!!!

Quanto si è fatto non basta. Non siamo lontanamente ai livelli di Windows e Mac OS X.

Quote:

Forse utopia, chissà, ma........anche il semplice utente - naturalmente non rimbecillito, ma credo che a questi livelli non si sia ancora arrivati, anzi........i ragazzi di oggi sono alquanto svegli e svelti - ha il diritto (e, volendo, la capacità) di spulciare il proprio pc, sia per l'hadware che per il software. Non trovo diversità tra la compilazione del Kernel (basta una guida ben fatta, letta a fondo e studiata a dovere), quasi mai necessario, e lo studio di un capitolo di storia dell'800. Circa la compilazione dei driver, codec..beh, non mi pare che un ./configure && make && make install sia equiparabile alla stesura di una tesi di laurea e,cmq, tra paccheti rpm e deb, repository e installatori di pacchetti.......il problema il più delle volte è superato.

Mi diverte questa risposta. Evidentemente non hai a che fare con persone che non sanno cosa sia un driver. E inoltre è del tutto inutile nascondere, come stai facendo, l'esistenza di molti problemi di compilazione con tanti driver. Non esistono solo i driver nVidia. Compilare un driver di una scheda wireless è a volte un delirio, visto che il kernel cambia alla velocità della luce e i driver non fanno in tempo ad essere aggiornati.

Quote:

Interessante. Cmq, quanto già disponibile su Ubuntu 7.04

Non è affatto disponibile su ubuntu. Non al livello in cui sarà implementato in openSUSE. Ubuntu fornisce un programma di installazione guidata per applicazioni specifiche. OpenSUSE dovrebbe offrire qualcosa di molto più generale e fruibile anche da terzi.

P.S. Piano con i post. Rimuovo la notifica perché mi intasa la casella!

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di Senofonte1
Senofonte1
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/01/2007
Messaggi: 924

Quote:

ap1978 ha scritto:

L'utente medio è la persona che usa il PC negli uffici, che non ha voglia, tempo e conoscenze per addentrarsi nel mondo dei sistemi operativi.

Ahimè, hai perfettamente ragione. Uno dei motivi per cui M$ regna incontrastata. D'altronde, dopo aver passato ore ed ore in ufficio sul pc, la voglia di capirci qualcosa "in più" scarsegga, anzi.......non esiste. Come non dargli ragione!? Succubi della macchina.

Quote:

Non devi essere di una certa età per usare un sistema plug and play, e neppure ingnorante o rimbecillito. Non è corretto etichettare le persone in questo modo solo perché si rifiutano di comprendere il funzionamento di una macchina che deve essere strumento e non fine.

Forse hai compreso malissimo ciò che volevo dire. Nessuna etichetta, come nessuna offesa.............
Il "rifiuto" può evere molte radici, non ultimo quello di abituarsi a "qualcosa" che si utilizza come mezzo... e non fine. Il fine non è quello della conoscenza approfondita di un sistema (da parte dell'utente medio o chi per lui), nessuno chiede questo, quanto il capirne il perchè del suo funzionamento ( a mò di esempio). Se non sbaglio, anche guidare un'utilitaria non presuppone la conoscenza del funzionamento del motore.......quanto del codice stradale, ma detto studio sembra essere parte obbligatoria per superare gli esami e conseguire la patente ( è cambiato qualcosa dai miei tempi?)

Quote:

Quanto si è fatto non basta. Non siamo lontanamente ai livelli di Windows e Mac OS X.

D'accordo.

Quote:

Mi diverte questa risposta. Evidentemente non hai a che fare con persone che non sanno cosa sia un driver. E inoltre è del tutto inutile nascondere, come stai facendo, l'esistenza di molti problemi di compilazione con tanti driver. Non esistono solo i driver nVidia. Compilare un driver di una scheda wireless è a volte un delirio, visto che il kernel cambia alla velocità della luce e i driver non fanno in tempo ad essere aggiornati.

Parlavo in modo generico. So benissimo che la compilazione di alcuni driver spesse volte è un rompicapo e vien voglia di lascair perdere. Ma questo potrebbe essere - almeno dal mio punto di vista - un incentivo al saper/saper fare di più. Alcuni si arrendono, altri vanno avanti caparbiamente, altri.... preferiscono il plug and play. Fortuna loro.

Quote:

INon è affatto disponibile su ubuntu. Non al livello in cui sarà implementato in openSUSE. Ubuntu fornisce un programma di installazione guidata per applicazioni specifiche. OpenSUSE dovrebbe offrire qualcosa di molto più generale e fruibile anche da terzi.

Buono a sapersi. Non potrei esserne più contento (oramai è guerra apera tra le varie distro.........)

Quote:

P.S. Piano con i post. Rimuovo la notifica perché mi intasa la casella!

Messaggio ricevuto.

GRAZIE A DIO, SONO ATEO!

Il pensare è la ragione prima e ultima dell'umano essere (Senofonte1)

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

Senofonte1 ha scritto:
Forse hai compreso malissimo ciò che volevo dire. Nessuna etichetta, come nessuna offesa.............
Il "rifiuto" può evere molte radici, non ultimo quello di abituarsi a "qualcosa" che si utilizza come mezzo... e non fine. Il fine non è quello della conoscenza approfondita di un sistema (da parte dell'utente medio o chi per lui), nessuno chiede questo, quanto il capirne il perchè del suo funzionamento ( a mò di esempio). Se non sbaglio, anche guidare un'utilitaria non presuppone la conoscenza del funzionamento del motore.......quanto del codice stradale, ma detto studio sembra essere parte obbligatoria per superare gli esami e conseguire la patente ( è cambiato qualcosa dai miei tempi?)

Scusa per non aver capito.

Si è vero, per guidare serve la patente, ma non tutti quelli che ce l'hanno conoscono il codice e sanno guidare come si dovrebbe, purtroppo.

Penso che si dovrebbe insegnare ad usare il computer nelle scuole, ma seriamente. Non delegando tutto al conseguimento del'ECDL, la mitica patente europea, della quale non ho una buona opinione.
Per ottenerla segui un corso dove impari a memoria, questa volta sì da vero idiota, delle procedure per fare diverse amenità nel sistema operativo (windows) e in una suite office (MSO, OOo). Le stesse procedure le devi ripetere all'esame, senza molta flessibilità, anche quando le cose si possono fare in molti modi.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di Senofonte1
Senofonte1
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/01/2007
Messaggi: 924

Quote:

ap1978 ha scritto:

Penso che si dovrebbe insegnare ad usare il computer nelle scuole, ma seriamente. Non delegando tutto al conseguimento del'ECDL, la mitica patente europea, della quale non ho una buona opinione.
Per ottenerla segui un corso dove impari a memoria, questa volta sì da vero idiota, delle procedure per fare diverse amenità nel sistema operativo (windows) e in una suite office (MSO, OOo). Le stesse procedure le devi ripetere all'esame, senza molta flessibilità, anche quando le cose si possono fare in molti modi.

Ciao

La pensiamo allo stesso modo: una piaga, quella del'ECDL, per far sbordare denaro ai poveri utenti e, nel contempo, far mangiare svariati enti. Per non parlare dell'insegnamento informatico (TIC) nelle scuole, medie e superiori: abominevole.

Saluti

GRAZIE A DIO, SONO ATEO!

Il pensare è la ragione prima e ultima dell'umano essere (Senofonte1)