Una mia osservazione.

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

kripsio ha scritto:
Quote:
http://www.suseitalia.org/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=8718&forum=3

come faccio a dire a Vlc che voglio ascoltare il video tramite le cuffie e non le casse?

Questa è da fortune...

Divertente.
Ma non prendiamo in giro. Stona sempre.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di sunrots
sunrots
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 04/01/2005
Messaggi: 510

Quote:

ap1978 ha scritto:
Lo smanettone, come lo chiami tu, è probabilmente l'utente medio..
...è altrettanto normale che non voglia leggersi tomi e guide per ogni cosa.
....
I forum sono spesso l'unico modo che un utente alle prime armi ha di risolvere il suo problema, non sapendo dove mettere le mani.
Quindi mi chiedo che senso abbia rispondere con domande a chi ti chiede aiuto.

Beh, invece io non posso che essere d'accordo con Moreno. Fare domande è un modo corretto e più che sensato per individuare il problema dell'utente che ha descritto laconicamente il suo problema, per incapacità o purtroppo per pigrizia.
Ritorniamo dunque un pò al tema per cui questa discussione si era aperta: è giusto aiutare un utente che non compie nessuno sforzo per imparare o addirittura per interpretare le risposte che gli vengono gratuitamente fornite?
Della pigrizia non è responsabile Linux!
Faccio un paragone che spero possa aiutare a capire il significato del mio intervento.
Lo sappiamo tutti che è più facile imparare una lingua latina di una asiatica. Queste ultime sono totalmente diverse dalla nostra, hanno un alfabeto diverso, sono disponibili molte meno pubblicazioni etc etc.
Ma se non ci si applica un minimo, non si imparerà mai neppure lo spagnolo, la più vicina delle lingue all'italiano. Non capisco perché il fatto di avere poco tempo per imparare o capire debba costituire addirittura un elemento di colpa per Linux. GNU/Linux non certo per dispetto si presenta all'inizio più complicato.
Il forum e noi utenti siamo qui per aiutare tutte le persone di buona volontà, ed intendo quelle che hanno volontà di ascoltare, di capire e di spiegarsi. Non sono motivato ad aiutare i lazzaroni.
Comprendes compañeros ? Laughing
Saludos,
sunrots

Non più attivo qui. Mi troverete su http://it-opensuse.org Wink

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

sunrots ha scritto:
Ritorniamo dunque un pò al tema per cui questa discussione si era aperta: è giusto aiutare un utente che non compie nessuno sforzo per imparare o addirittura per interpretare le risposte che gli vengono gratuitamente fornite?

Se sai rispondere, vale la pena tentare di rispondere. Probabilmente chi chiede non sa interpretare o non è sicuro della sua interpretazione.
Anche perché fissare il criterio per stabilire quanto uno si è impegnato e quanto non ha realmente capito non è così elementare.

Quote:

Della pigrizia non è responsabile Linux!

Non ho detto che sia Linux il responsabile. Di sicuro gli sviluppatori di Linux molto possono fare per renderlo più accessibile di quello che è però. E spesso lo stanno facendo.

Quote:

Ma se non ci si applica un minimo, non si imparerà mai neppure lo spagnolo, la più vicina delle lingue all'italiano. Non capisco perché il fatto di avere poco tempo per imparare o capire debba costituire addirittura un elemento di colpa per Linux.

Applicarsi un minimo non è quanto richiesto da Linux se paragonato con altri sistemi operativi (Windows, Mac OS X) che sono, non per percezione, di apprendimento più immediato.

L'utente di Linux è come uno studente universitario al primo esame. Se incontra l'insegnante che gli spiega e lo fa crescere, gli apre le prime porte e poi lentamente lo rende autonomo nel metodo, allora darà il primo esame al primo appello, capirà la materia e proseguirà. Se trova un insegnante demotivato e disinteressato a ciò che fanno i suoi studenti, smetterà di seguire le lezioni, non capirà, non imparerà ad organizzarsi e rischierà di abbandonare gli studi.

Quote:

Non sono motivato ad aiutare i lazzaroni.

Non penso se ne siano visti tanti da queste parti. Sarà che SuSE non attira i lazzaroni e anzi li terrorizza con lo sguardo del camaleonte :roll:

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

bismark2005 ha scritto:

Viva la sincerità!!! Ed è anche questo il motivo per cui Linux è così poco diffuso.
Però un piccolo appunto: Se hai una grossa comunità alle spalle, tanto materiale e guide risolvi tutto in poco tempo.

Ciao

Linux è poco diffuso per tante ragioni.

E' inutile fare della facile ironia, come questa quando il supporto hardware di Linux è ancora trascurabile rispetto a Windows, quando basta un cambio di kernel per rendere la tua scheda di rete inutile oppure quando devi cercare tra 1000 modelli di scanner l'unico che funzioni.

So bene che questo non dipende dalla comunità, ed è per questo che la comunità, le guide e i forum in questo non possono aiutare.

Ammetterlo non vuol dire ammettere di essere sconfitti, fare un danno a Linux o cose simili, significa solo essere onesti nei confronti degli utenti. In altre parole, avere quella trasparenza di cui la comunità dovrebbe fare il suo punto di forza anche nei fatti e non solo nell'ideologia.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di kripsio
kripsio
(Moderatore)
Offline
Moderatore
Iscritto: 25/01/2006
Messaggi: 91

Quote:

Questa è una bella favola che gli utenti Linux adorano raccontare. Windows è oggettivamente più facile per un'elenco di motivi che ho già chiarito e che vanno dall'uniformità dell'interfaccia alla semplicità di installazione del software e i driver.

Chi sostiene che Linux sia semplice e accessibile come Windows oggi, semplicemente fa un danno a Linux anziché favorirne lo sviluppo. Linux è anni indietro per quanto riguarda integrazione ed usabilità. Capirlo e accettarlo è il primo passo per risolvere il problema.

Non condivido, credo si tratti cmq di percezione dell'usabilità. Poi, francamente, più che lanciare programmi e cancellare/spostare file cosa deve fare una persona? La mia morosa usa gnome su ubuntu e lo trova più usabile di windows, vi ha scritto la tesi di laurea (scienze delle comunicazioni), ed il computer lo usa come il 99% delle sue amiche, legge la posta, scrive le lettere agli amanti, va su internet, scarica sul lettore mp3 i suoi brani, scarica dalla macchina fotografica le sue foto.. su windows fatica di più perchè non è abituata... io trovo più usabile la bash per il 90% delle mie operazioni, tu caso mai no... ma è cmq un problema di percezione...

Quote:

Non vedo difficoltà nell'installare programmi come WinDVD o i codec DivX. Si fa in pochi click su Windows.

Su Linux devi sapere dove cercarli (packman), sapere come aggiungerli a Yast, conoscere il nome della libreria (libxine, libdvdcss...non proprio chiari) e sperare di non avere problemi con le dipendenze (su suse non c'è questo problema, su altre distribuzioni si).
Queste cose sono banali per gli utenti Linux, non sono però intuitive e quindi sono un disincentivo per il nuovo utente.

Bhe, per la volta all'anno che uso win non compro windvd Smile. Il codec divx va bene, ma gli altri filmati che non vedo (x264, mov, boh)
Su, non mi dire che girare una notte e sperare che il codec che hai installato vada bene (e non mandi in bomba il sistema come ha fatto a me) che li trovi tutti (io non ne ho trovati alcuni, non mi ci sono messo granchè ok) sia più semplice di scrivere apt-get install w32codecs ho tutto e basta Laughing che scarica installa configura. Ribadisco percezione tutto quà.
]
Quote:

Scusami ma un conto è l'abitudine all'uso, che ad esempio tu hai nel configurare un server samba editando il file, un conto è l'intuitività delle operazioni per un utente che non abbia mai visto il sistema operativo.

Parti svantaggiato dai preconcetti, questo intendevo.
Puoi fare il sistema più usabile del mondo (e gnome, imho, lo è, kde un po' meno ma, imho, ha altri scopi), ma devi superare lo scoglio del "ma l'altro lo so usare". Windows, imho, non è intuitivo (non più degli altri) è conosciuto. tutto quà.

Quote:

Installare un driver video su Windows è come installare un programma qualsiasi. Su Linux sappiamo tutti che i problemi sono ancora molti e spesso non è semplice far funzionare le cose.

Situazione peggiore per le schede di rete wireless, per il supporto dell'alimentazione sui notebook, per gli scanner.

Che c'entra linux con i drivers delle periferiche? Non parlavamo di usabilità e di interfacce per l'utente? Se chi fa l'hardware non fa i driver...

Quote:

Con questo non voglio scoraggiare nessuno. Semplicemente voglio evitare che si pensi a Linux come la soluzione facile a tutti i problemi informatici per chiunque. Non lo è.
Linux è ancora un sistema troppo complicato da installare, configurare e usare per tanti, che spesso non hanno il tempo per leggersi manuali per far funzionare ciò che già gli funzionava su Windows.
Consigliare Linux a tutti è, secondo me, poco trasparente e può avere l'effetto opposto di allontanare utenti da Linux semplicemente perché si è detto loro che avrebbero trovato ciò che non c'è.

Ciao

Linux non è una soluzione per l'informatica, l'informatica è stata danneggiata da MS.
L'uso degli strumenti informattici deve essere di tutti, l'amministrazione delle macchine no. Tutti possono usare un'automobile ma solo il meccanico l'aggiusta e la fa andare bene. Questo è il grande male che ha fatto MS al mondo illudere tutti di essere sistemisti in 24h.
A me non me ne frega una cippa se linux viene usato da 4 gatti e 5 cani e' importante che non illuda.
Io consiglio linux a tutti se l'amministra un amministratore di sistema, così come consiglio windows se c'è qualcuno che può amministrarlo, se il calzolaio vuole giocare a fare il sistemista non si deve incazzare se le cose non vanno come si deve e non vi devono essere sistemi usabili che lo aiutano a farsi del male...
Poi ci sono diversi livelli di amministrazione (installare una macchina desktop è lavoro da amministatori di basso livello non da utenti) e diverse specializzazioni nella stessa, ma questo è un altro discorso.

Per il resto abbiamo troppe divergenze per essere discusse su un forum, la prima volta che ci incontriamo ne parliamo con qualche birra... ciauciau Big Grin

Ritratto di Alfio
Alfio
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 30/08/2005
Messaggi: 2678

Io su windows all'inizio avviavo emagari aspettavo la schermata del start.
Su linux guardo molto le voci del boot del kernel e da li capisco se la amcchina funziona regolarmente.
Mi fa sentire partice del mio pc linux e mi piace un sacco sta sensazione .
Purtroppo quando avvio windows per lo scanner o il mio motorola percepisco un senso di distaccamento forse sara' la mia ideologia .
Quello che voglio dire Linux per me prima di tutto è l'alternativa software close e poi la sua usabilita'.
Le cose che faccio con linux li faccio con windows ma la liberta' che ho con linux nel fare quelle cose non cè lo con windows.
Ciao

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

kripsio ha scritto:

Non condivido, credo si tratti cmq di percezione dell'usabilità. Poi, francamente, più che lanciare programmi e cancellare/spostare file cosa deve fare una persona? La mia morosa usa gnome su ubuntu e lo trova più usabile di windows, vi ha scritto la tesi di laurea (scienze delle comunicazioni), ed il computer lo usa come il 99% delle sue amiche, legge la posta, scrive le lettere agli amanti, va su internet, scarica sul lettore mp3 i suoi brani, scarica dalla macchina fotografica le sue foto.. su windows fatica di più perchè non è abituata... io trovo più usabile la bash per il 90% delle mie operazioni, tu caso mai no... ma è cmq un problema di percezione...

Non è un problema di percezione dover mettere mano a xorg.conf, dover configurare a mano il firewall con una stringa come la seguente:

FW_SERVICE_ACCEPT_EXT="0/0,tcp,1024:65535,137:139 0/0,udp,1024:65535,137:139"

per poter condividere file con samba e altre amenità simili. E' difficoltà d'uso, almeno per un utente medio.

Quote:

Bhe, per la volta all'anno che uso win non compro windvd Smile. Il codec divx va bene, ma gli altri filmati che non vedo (x264, mov, boh)
Su, non mi dire che girare una notte e sperare che il codec che hai installato vada bene (e non mandi in bomba il sistema come ha fatto a me) che li trovi tutti (io non ne ho trovati alcuni, non mi ci sono messo granchè ok) sia più semplice di scrivere apt-get install w32codecs ho tutto e basta Laughing che scarica installa configura. Ribadisco percezione tutto quà.

Considerando che .mov (che si vede con quicktime), .mpeg e .wm* coprono quasi tutto, anche qui è carenza di usabilità. Inoltre l'utente medio, non userà apt-get. Al massimo synaptic Wink

Quote:

Scusami ma un conto è l'abitudine all'uso, che ad esempio tu hai nel configurare un server samba editando il file, un conto è l'intuitività delle operazioni per un utente che non abbia mai visto il sistema operativo.

Parti svantaggiato dai preconcetti, questo intendevo.
Puoi fare il sistema più usabile del mondo (e gnome, imho, lo è, kde un po' meno ma, imho, ha altri scopi), ma devi superare lo scoglio del "ma l'altro lo so usare". Windows, imho, non è intuitivo (non più degli altri) è conosciuto. tutto quà.

Windows è più semplice nelle operazioni di base che ti consentono di gestire il sistema. Dall'installazione alla configurazione.
Proprio oggi ho aiutato una persona a configurare correttamente un nuovo hard disk su Linux perché non poteva scriverci sopra. Su Windows non avrebbe avuto questo problema. Potresti rispondermi: ma è per la sicurezza. Si, vero, ma su un desktop è eccessivo.

Quote:

Che c'entra linux con i drivers delle periferiche? Non parlavamo di usabilità e di interfacce per l'utente? Se chi fa l'hardware non fa i driver...

Appunto. Parlavamo di facilità d'uso di Linux. E un sistema operativo per il quale devo spendere ore per trovare tra le periferiche quella che, forse, è supportata dal kernel X, driver Y che però probabilmente non funzionerà con in nuovo kernel Z, non è molto amichevole per l'utente medio.

Quote:

Linux non è una soluzione per l'informatica, l'informatica è stata danneggiata da MS.

MS avrà tanti difetti, ma tutto sommato è grazie a lei che se i PC si sono diffusi così tanto. Almeno questo riconosciamolo Wink

Quote:

L'uso degli strumenti informattici deve essere di tutti, l'amministrazione delle macchine no. Tutti possono usare un'automobile ma solo il meccanico l'aggiusta e la fa andare bene. Questo è il grande male che ha fatto MS al mondo illudere tutti di essere sistemisti in 24h.

E secondo te le persone che oggi usano i PC per motivi non professionali sarebbero disposte a pagarsi l'intervento del sistemista? Ho dei dubbi. MS ha semplicemente fatto ciò che serviva per favorire la diffusione dei PC.

Quote:

A me non me ne frega una cippa se linux viene usato da 4 gatti e 5 cani e' importante che non illuda.

Appunto. E' esattamente quello che dico. Molti fautori di Linux oggi provano ad illudere gli utenti dicendogli che è un sostituto di Windows. Non lo è. Non è facile da amministrare, non ci fai le stesse cose e non hai equivalenti per tutte le applicazioni.

Accetto volentieri l'invito a discuterne, quando ci vedremo Smile

Ciao!

ap Big Grin

Ritratto di sixpounder
sixpounder
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 18/10/2006
Messaggi: 15

Quote:

ap1978 ha scritto:

E secondo te le persone che oggi usano i PC per motivi non professionali sarebbero disposte a pagarsi l'intervento del sistemista? Ho dei dubbi. MS ha semplicemente fatto ciò che serviva per favorire la diffusione dei PC.

Ciao!

E allora cosa ci stanno a fare le comunità come la nostra? non mi sembra che nessuno di noi abbia mai chiesto soldo di nessun genere per elargire i propri consigli! ^^ Se poi per "soldo" si intende lo sforzo che il neo utente di linux DOVREBBE avere (per noti motivi) nel girare nella suddette comunità/forum/guide e non è disposto a pagarlo, è un'altra storia! MS non ha fatto ciò che serviva per la diffusione dei PC, quello è solo il mezzo. il mezzo che hanno sfruttato (bene, questo va ammesso) per fare quattrini a palate e, come giustamente detto, far sentire utenti con QI informatico a livello capra sistemisti in 24 ore. Questo va a pro o a scapito dell'informatica?

Ciao! ^^

[=x-large]Sixpounder[/]

In 1969, man reached the moon with the calculating power of two commodore64. Today, to run Windows, we need at least a P4. Something must've gone wrong...

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

sixpounder ha scritto:

E allora cosa ci stanno a fare le comunità come la nostra? non mi sembra che nessuno di noi abbia mai chiesto soldo di nessun genere per elargire i propri consigli! ^^ Se poi per "soldo" si intende lo sforzo che il neo utente di linux DOVREBBE avere (per noti motivi) nel girare nella suddette comunità/forum/guide e non è disposto a pagarlo, è un'altra storia!

Non ho capito cosa c'entri con quello che ho detto.

Quote:

MS non ha fatto ciò che serviva per la diffusione dei PC, quello è solo il mezzo. il mezzo che hanno sfruttato (bene, questo va ammesso) per fare quattrini a palate e, come giustamente detto, far sentire utenti con QI informatico a livello capra sistemisti in 24 ore. Questo va a pro o a scapito dell'informatica?

Ciao! ^^

Stai negando l'evidenza. Senza il DOS prima e Windows dopo, oggi non ci sarebbe lo sviluppo dei PC che c'è stato. Certo, potrebbe esserci Mac OS al posto di Windows, oppure OS/2, ma non cambierebbe molto.
L'idea di fondo è creare un sistema semplice da gestire per chiunque. Senza questi requisiti, non ci sarebbe l'informatica come la conosciamo oggi.
Se preferisci un'informatica elitaria, libero di farlo. Io preferisco l'accessibilità degli strumenti a tutti, e questo è stato possibile proprio grazie a Windows.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di sixpounder
sixpounder
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 18/10/2006
Messaggi: 15

Quote:

Stai negando l'evidenza. Senza il DOS prima e Windows dopo, oggi non ci sarebbe lo sviluppo dei PC che c'è stato. Certo, potrebbe esserci Mac OS al posto di Windows, oppure OS/2, ma non cambierebbe molto.
L'idea di fondo è creare un sistema semplice da gestire per chiunque. Senza questi requisiti, non ci sarebbe l'informatica come la conosciamo oggi.
Se preferisci un'informatica elitaria, libero di farlo. Io preferisco l'accessibilità degli strumenti a tutti, e questo è stato possibile proprio grazie a Windows.

Ciao

Forse mi sono spiegato male :-P Non sto negando i meriti di Microsoft, sto cercando di evidenziare le sue colpe, anche se non credo ci sia bisogno di dilungarmi troppo, penso che tutti qui sappiano quel che c'è bisogno di sapere. Per me rimane il fatto che non è sicuramente la cosiddetta semplicità d'uso di windows la causa della diffusione dei pc.
Sarei curioso di sottoporvi alcune delle mie conoscenze, ovvero tutta la mia famiglia tutta e tutti i miei amici tutti: NESSUNO di loro capisce un'H di computer. Perfetto, quindi finestre è la soluzione ideale per loro giusto? Eppure sarei contento di riuscire a contare quante volte negli anni il sottoscritto è dovuto accorrere per qualsiasi cosa: dall'installazione di office (!) o di un antivirus, fino all'impostazione di internet o l'installazione di una stampante (!!!). Quindi, siccome sono abbastanza convinto che questo livello di abilità di uso del pc sia lo standard per la maggioranza dell'utenza, dov'è che Windows è mai stato "semplice" da usare? O anche da gestire?
Magari per molti la cosa funziona così: finché non dà problemi tutto ok. Al primo problema (che di solito si presenta molto presto) non so più che cavolo fare e addio. Semplice? ^^

[=x-large]Sixpounder[/]

In 1969, man reached the moon with the calculating power of two commodore64. Today, to run Windows, we need at least a P4. Something must've gone wrong...