Curiosità su penna USB

4 risposte [Ultimo messaggio]
Ritratto di leo72
leo72
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/12/2004
Messaggi: 689

Una piccola curiosità sulla gestione delle penne USB...

Finché si installa una Suse e la si usa con le pennette che si hanno non ci sono problemi. Ma, se per caso, si decide di formattarne una (come ho fatto io per cambiare il file-system) Suse dà in escandescenza!
In pratica, dopo la formattazione, la chiavetta non è più scrivibile. O meglio, preciso che non si può più scriverci sopra perché il punto di mount standard che Suse aveva impostato durante l'installazione diviene di proprietà dell'utente root, cioè di colui che ha formattato la chiavetta.
Per rimettere le cose a posto io finora ho sempre agito con i privilegi di super-user e ridato la "paternità" del punto di mount (nel sistema da cui sto scrivendo è attualmente impostato su /media/disk) all'utente che lavora sul PC, lasciando come gruppo "root".

Mi chiedevo:
1)
ma è giusto un simile comportamento?
2)
la procedura che effettuo è quella "ortodossa" oppure forzo un po' la mano a Suse?

Leo.
------------------
Scegli software open-source: il mio sistema Suse Linux esegue OpenOffice, Mozilla Firefox e Thunderbird, The Gimp...

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Quote:

leo72 ha scritto:
Una piccola curiosità sulla gestione delle penne USB...

Finché si installa una Suse e la si usa con le pennette che si hanno non ci sono problemi. Ma, se per caso, si decide di formattarne una (come ho fatto io per cambiare il file-system) Suse dà in escandescenza!
In pratica, dopo la formattazione, la chiavetta non è più scrivibile. O meglio, preciso che non si può più scriverci sopra perché il punto di mount standard che Suse aveva impostato durante l'installazione diviene di proprietà dell'utente root, cioè di colui che ha formattato la chiavetta.
Per rimettere le cose a posto io finora ho sempre agito con i privilegi di super-user e ridato la "paternità" del punto di mount (nel sistema da cui sto scrivendo è attualmente impostato su /media/disk) all'utente che lavora sul PC, lasciando come gruppo "root".

Mi chiedevo:
1)
ma è giusto un simile comportamento?
2)
la procedura che effettuo è quella "ortodossa" oppure forzo un po' la mano a Suse?

Se usi il partizionatore di Yast per formattare, probabilmente assegni un punto di mount statico alla chiavetta, che viene scritto in /etc/fstab.

Nel campo "Mountpoint" fai attenzione a lasciare vuoto lo spazio.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di leo72
leo72
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 27/12/2004
Messaggi: 689

Effettivamente quel campo non è vuoto ma ti posso garantire che lo ha riempito Suse perché io non ho toccato nulla Wink
Proverò la prox volta a togliere ogni cosa da quel campo. Ma senza nulla, dove la monta la penna?

Leo.
------------------
Scegli software open-source: il mio sistema Suse Linux esegue OpenOffice, Mozilla Firefox e Thunderbird, The Gimp...

Ritratto di ap1978
ap1978
(Guru)
Offline
Guru
Iscritto: 01/10/2004
Messaggi: 2972

Certo che non è vuoto. Di default il partizionatore propone un punto di mount. Sei tu a doverlo rimuovere.

Ciao

ap Big Grin

Ritratto di LinuxBari
LinuxBari
(Junior)
Offline
Junior
Iscritto: 16/02/2007
Messaggi: 28

Riprendo la discussione aggiungendo un altro punto: se uno di noi linuxiani doc vuole formattare la su bella pennina usb in ext2 (ext3 purtroppo, come ntfs, occups una percetuale molto alta per l'indicizzazione del volume) avrà ancora più difficoltà... anche non inserendo punti di mount, bisogna comunque modificare i permessi manualmente da root e la procedura non sempre va liscia! Thinking

SuSE 10.2 su Acer Aspire 5012 con Intel Core Duo 1,66 Ghz , Hd 80 Gb, 1 Gb Ram (& 1 mouse usb Wink )