Guida definitiva alle connessioni wireless

Lun, 07/04/2008 - 15:37

Guida definitiva alle connessioni wireless

Inviato da Mirko 9 commenti

Questa guida vuole essere un punto di partenza, attraverso esempi e spiegazioni, grazie al quale l'utente potrà configurare con semplicità la propria connessione wi-fi.

Premessa

Questa guida vuole essere un punto di partenza, attraverso esempi e spiegazioni, grazie al quale l'utente potrà configurare con semplicità la propria connessione wi-fi.

Capita spesso che sotto Linux alcune schede di rete (mi riferisco alle connessioni wireless, ovvero senza fili. Lo stesso problema, il più delle volte, non viene invece a verificarsi con connessioni ethernet, ovvero via cavo) non funzionino con il DHCP abilitato, anche se sotto Windows questo problema non si verificava (come nel mio caso).

Il DHCP serve sopratutto per impostare automaticamente i parametri di connessione.

Ci occuperemo, quindi, di impostare manualmente queste opzioni.

Se siete interessati ad approfondire l'argomento, date un'occhiata a Wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/DHCP
Questa guida ha il solo scopo di aiutare l'utente nella configurazione della connessione di rete.

Quindi si darà per scontato che l'utente abbia già provveduto a far riconoscere la scheda di rete al proprio sistema, attraverso l'installazione di driver o firmware.

Se così non fosse, ovvero se la vostra scheda di rete non è ancora riconosciuta dal sistema, cercate tra le guide o nel forum i passaggi da seguire prima di configurare la connessione.

Per verificare che la scheda di rete sia stata riconosciuta, fate riferimento alle istruzioni indicate nel prossimo paragrafo.

Resta inteso che la configurazione qui proposta è relativa esclusivamente alla mia connessione e al mio router (Conceptronic C54BRS4A).
Questo significa che i dati proposti potrebbero cambiare considerevolmente, in quanto in questa guida hanno il solo scopo esemplificativo.
Verifica della scheda di rete

Possiamo verificare che la scheda sia stata riconosciuta e che sia funzionante facendo una semplice scansione delle reti presenti (ovviamente il nostro router deve supportare il wi-fi e non deve essere troppo distante dal computer!).
Apriamo un terminale e facciamo il login come root digitando

su

e immettendo la password di root. A questo punto facciamo la scansione delle reti con il comando

iwlist scan

Se la nostra rete è stata individuata, o comunque se visualizziamo qualche rete, significa che possiamo procedere con la configurazione.

L'output dovrà essere qualcosa del genere:

mirko:/home/mirko # iwlist scan
lo Interface doesn't support scanning.
wlan0 Scan completed :
Cell 01 - Address: 00:80:5A:5B:3A:A8
ESSID:"mirkomarco"
Protocol:IEEE 802.11g
Mode:Managed
Frequency:2.437 GHz (Channel 6)
Quality:100/100 Signal level:-31 dBm Noise level:-96 dBm
Encryption key:on
Bit Rates:1 Mb/s; 2 Mb/s; 5.5 Mb/s; 11 Mb/s; 6 Mb/s
9 Mb/s; 12 Mb/s; 18 Mb/s; 24 Mb/s; 36 Mb/s
48 Mb/s; 54 Mb/s
Extra:bcn_int=100
Extra:atim=0
IE: IEEE 802.11i/WPA2 Version 1
Group Cipher : TKIP
Pairwise Ciphers (1) : TKIP
Authentication Suites (1) : PSK
IE: WPA Version 1
Group Cipher : TKIP
Pairwise Ciphers (1) : TKIP
Authentication Suites (1) : PSK
Cell 02 - Address: 00:A0:C5:CF:FA:3E
ESSID:"Wireless"
Protocol:IEEE 802.11g
Mode:Managed
Frequency:2.437 GHz (Channel 6)
Quality:10/100 Signal level:-89 dBm Noise level:-96 dBm
Encryption key:on
Bit Rates:1 Mb/s; 2 Mb/s; 5.5 Mb/s; 11 Mb/s; 22 Mb/s
6 Mb/s; 9 Mb/s; 12 Mb/s; 18 Mb/s; 24 Mb/s
36 Mb/s; 48 Mb/s; 54 Mb/s
Extra:bcn_int=200
Extra:atim=0
eth0 Interface doesn't support scanning.

Nel mio caso, sono state rilevate due connessioni.
Possiamo fare ulteriori verifiche con i comandi (da root)

iwconfig

e

ifconfig

Il primo comando restituisce la configurazione attuale della scheda di rete, il secondo comando restituisce la lista delle periferiche di rete (wireless, ethernet, ecc.).

In entrambi i casi, comunque, la scheda di rete dovrebbe essere generalmente riconosciuta come "wlan0".

Quali dati mi servono?

Per la configurazione, è necessario conoscere almeno questi parametri:

1) L'indirizzo IP del router

Spesso l'IP del router è 192.168.0.1 oppure 192.168.1.1

2) Il range di IP che possiamo assegnare alla nostra macchina
(il range di IP è l'insieme degli IP che il nostro router ci permette di assegnare alle macchine connesse)

Spesso il router ci permette di assegnare IP nel formato:

192.168.0.x (se l'IP del router è 192.168.0.1)

192.168.1.x (se l'IP del router è 192.168.1.1)

Dove la x (in entrambi i casi) spesso è un numero maggiore o uguale a 100.

L'IP, ovviamente, non potrà essere già in uso da un'altra macchina!

3) La maschera di sottorete

L'indirizzo della maschera di sottorete dovrebbe essere 255.255.255.0

Se non conosciamo questi dati, dobbiamo fare riferimento al manuale del nostro router.

Purtroppo capita spesso che alcuni utenti non li conoscano (la maggior parte li ricorda a memoria) e che non posseggano il manuale del router. Che fare in questi casi?

Innanzitutto dobbiamo scoprire qual è l'indirizzo del router. Apriamo un browser (Konqueror, Firefox o quello che vi piace) e proviamo a digitare nella barra degli indirizzi uno di questi due indirizzi:

http://192.168.0.1

http://192.168.1.1

Se in uno di questi due casi si apre il pannello di controllo del router, abbiamo trovato il suo indirizzo IP.

Per quanto riguarda il range degli IP e la maschera di sottorete, vale quanto detto prima: dobbiamo scegliere un indirizzo IP uguale a quello del nostro router, cambiando l'ultima cifra (l'1 finale) con un numero maggiore o uguale a 100. La maschera di sottorete dovrebbe essere, invece, 255.255.255.0.

A questo punto possiamo procedere con la guida.

Se più avanti ci dovessimo accorgere che questi dati non sono corretti (magari perché alcuni indirizzi IP sono già in uso da altre macchine, oppure perché il nostro router è un modello particolare e unico su tutto il pianeta (mai vista, fino ad ora, questa eventualità. Ma non si sa mai...)), si può provare un'altra strada.

Colleghiamo la macchina tramite ethernet, attendiamo che Knetworkmanager ci avvisi dell'avvenuta connessione, apriamo il nostro browser, digitiamo un indirizzo qualsiasi e verifichiamo di essere realmente connessi a internet.

Questo potrebbe funzionare perché, come già detto a inizio guida, spesso e volentieri il DHCP funziona tramite Ethernet, mentre è capriccioso con le connessioni wi-fi

Apriamo il nostro terminare, facciamo il login come root e diamo il comando:

ifconfig

Ora possiamo ricavare l'indirizzo IP che ci è stato assegnato automaticamente dal router (ovvero un indirizzo IP valido e libero, almeno dopo esserci sconnessi dall'ethernet) e la maschera di sottorete. Posto un'immagine di esempio:

Se non abbiamo ancora risolto il problema, non ci restano che due soluzioni disperate:

1) se abbiamo altri computer in casa connessi tramite wireless (sia *Unix che Windows) possiamo provare ad "estrarre" da lì i parametri di configurazione;

2) andare in un internet point o a casa di un amico e cercare su Google il manuale del nostro router.

Impostare i dati attraverso Yast

Apriamo il centro di controllo di Yast. Sotto "Dispositivi di rete" troviamo la voce "Scheda di rete".

Clicchiamo sulla linguetta "Routing" e alla voce Gateway predefinito" inseriamo l'IP del nostro router:

Torniamo sulla linguetta "Vista completa", selezioniamo la scheda di rete (dovrebbe esserci sia la scheda di rete, che quella ethernet, quindi attenzione!) e clicchiamo su "Configura", in basso:

Si aprirà il pannello di configurazione della scheda wireless.

Selezioniamo l'opzione "Indirizzo IP assegnato staticamente" e inseriamo indirizzo IP e maschera di sottorete sotto le rispettive voci:

Clicchiamo su "Prossimo".

Inseriamo il nome il nome della rete (se non lo ricordiamo, vi ricordo che potete fare la scansione delle reti con il comando "iwlist scan", senza virgolette), selezioniamo sotto la voce "Modo autenticazione" il tipo di crittografia utilizzata (wep aperta/wep con chiave/wpa), selezioniamo il tipo di chiave e inseriamo la chiave segreta.

Questi ultimi dati, ovviamente, li potete conoscere solo voi
Se utilizzate la crittografia WPA, indipentemente dal tipo, selezionate "WPA-PSK", come nel mio esempio

Clicchiamo su "Prossimo" e poi su "Fine".

Connettiamoci!

Apriamo Knetworkmanager, facciamo click col tasto destro sull'icona nel pannello in basso a destra e selezioniamo la nostra rete tra quelle rilevate (aspettate qualche secondo dopo aver finito la configurazione!).

Ci si presenterà un pannello come questo:

Reinseriamo la password, selezioniamo la versione WPA (dovete saperla voi. Alcuni router, come il mio, permettono entrambe le possibilità) e selezioniamo il protocollo WPA (che dovrebbe essere rilevato automaticamente, ovvero oltre a "Automatico" dovreste trovare una sola opzione tra le due possibili).

Infine clicchiamo su "Connetti".

Aspettiamo la conferma di Knetworkmanager, apriamo un browser e verifichiamo che la connessione sia stata effettivamente realizzata.

Impostare i dati attraverso il router

A questo punto, se vogliamo possiamo configurare anche il nostro router affinché sia lui ad assegnare degli IP statici, fermo restando che a questo punto, probabilmente, dovrebbe già essere tutto funzionante.

Se configurato a dovere, quando il router riceve una richiesta di connessione, identifica la macchina grazie al nome host e all'indirizzo mac e le assegna l'indirizzo IP impostato.

Dobbiamo collegarci al pannello di controllo del router (digitando nel browser il suo indirizzo IP), trovare il menù corrispondente e settare i parametri (nome host, indirizzo MAC e IP desiderato).

Se non conosciamo l'indirizzo MAC della nostra connessione possiamo:

1) lasciare al router la rilevazione (se ce lo permette!);
2) scoprire l'indirizzo MAC sempre tramite il comando ifconfig (fate attenzione a non confondere l'indirizzo MAC dell'ethernet con quello del wireless!).

Per esempio, nel mio router effettuo il login e nel menù Home->DHCP trovo il pannello per questa configurazione.

Eccolo qui:

Se siete fortunati come me, troverete un menù a discesa come quello visualizzato grazie al quale selezionate un host connesso e lasciate al router la configurazione automatica.

Dovrebbe essere tutto Laughing





Commenti

Ritratto di Alfio
#1

Inviato da Alfio il Lun, 07/04/2008 - 19:12.

Nota all'utente..

Questo procedimento è valido quando la nostra scheda wireless è riconosciuta dal sistema operativo con i dovuti drivers.
Per il resto bene per la guida.
Ciao Wink



Ritratto di Mirko
#2

Inviato da Mirko il Lun, 07/04/2008 - 19:14.

Re: Nota all'utente..

Sì sì, infatti è scritto chiaramente a inizio guida Laughing
Ho anche precisato come fare per sincerarsi che la scheda sia correttamente riconosciuta Wink



Ritratto di anubis
#3

Inviato da anubis il Lun, 07/04/2008 - 20:28.

Re: Nota all'utente..

onestamente anzichè utilizzare ifup via shell e poi network manager preferisco usare

direttamente ifup + kinternet
un solo difetto però..kinternet non è integrato con wpa assistant

OpenSUSE Member,Packman Packager, Education Project Admin, LXDE Project Admin
Powered by http://en.opensuse.org/HP_Pavilion_dv6855el



Ritratto di AL9000
#4

Inviato da AL9000 il Lun, 07/04/2008 - 21:09.

bella guida

bravo, bella guida.

pulita e intuitiva

voto 9

ciao

Chi è investito di un'autorità si trasformerà inevitabilmente, secondo una legge sociale immutabile, in un oppressore ed in uno sfruttatore della società. (M.A. Bakunin)



Ritratto di moviemaniac
#5

Inviato da moviemaniac il Ven, 11/04/2008 - 15:49.

Re: bella guida

A me da profondamente fastidio il fatto che il sistema non sia in grado di collegarsi in automatico alla mia rete wireless domestica che ha l'id nascosto e non è criptata. Mentre se vado a casa di mio fratello, dove la rete ha id in chiaro e criptazione WPE mi si collega in automatico (prendendo la password dal portafogli di kde).
Abbiamo lo stesso router, configurato in maniera identica, fatta eccezione per criptazione e id.

Aggiungo che un tempo, prima di reinstallare suse, mi si collegava in automatico. Ora non ne vuol pù sapere... mazzacheppall!

aka FaithFulSoft
once MaxDev's staff developer



Ritratto di ManuSuse
#6

Inviato da ManuSuse il Ven, 23/05/2008 - 15:20.

Re: bella guida

Ciao,
L'unica cosa ke nn capisco è come faccio a trovare l'indirizzo IP "valido" se nn mi si connette....
Scusa ma non sono ancora riuscito a sistemare questa faccenda ...

Grazie tante per la pazienza, Manuel

Big Grin by MANU Big Grin :idea:



Ritratto di Mirko
#7

Inviato da Mirko il Sab, 31/05/2008 - 14:18.

Re: bella guida

Dovresti provare via ethernet per capire qual è il range degli ip validi, oppure una volta che hai trovato l'ip del router, solitamente basta scegliere un numero superiore a 100 per l'ultimo gruppo di numeri.

Es.
se l'ip del router è 192.168.0.1 un ip valido può essere 192.168.0.100



Ritratto di Mirko
#8

Inviato da Mirko il Mer, 21/01/2009 - 16:16.

Rettifica

A partire da openSuse 11.1, non c'è più bisogno di configurare la scheda di rete in Yast, basta solo Knetwork manager (a meno che, ovviamente, non si scelgano altre strade, come ifup e kinternet...).

In Yast, al massimo, potete disabilitare il supporto per l'IPv6.

Se si vuole evitare il DHCP, o si ha necessità di farlo, si impostino i parametri sempre in Knetworkmanager.
Il funzionamento è simile a quello della 10.3 (cui si riferisce questa guida).

Un'aggiunta: per esperienza personale, se il router ha ip 192.168.0.1 allora il range degli IP disponibili è 192.168.0.x dove x>100 (come già detto nella guida).
Se invece il router ha 192.168.1.1 (tipo Telecom/Alice) allora il range sarà 192.168.1.x dove x<100 (al contrario di come detto nella guida).



Ritratto di Risury
#9

Inviato da Risury il Ven, 13/01/2012 - 17:36.

Re: Guida definitiva alle connessioni wireless

Anche da parte mia, sono rimasto male quando al momento dell'installazione della 12.1 non c'è stato il collegamento in automatico alla rete Wireless. Devo confessare che il pensiero della
stranezza per una distro come Suse, mi è partito in automatico.
Rientra in quelle cose che l'utente rimane perplesso, poiché la maggior parte preferisce OS che non comportino ricerche e studi per rendere funzionale l'utilizzo.
Non so se sono riuscito a rendere l'idea.

Risury