Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Sab, 18/11/2006 - 15:19

Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Inviato da Stefano 46 commenti

Ebbene, tutte le perplessità nate nella comunità GNU/Linux sono diventate reali, il CEO di Microsoft dichiara apertamente che Linux viola la loro proprietà intelletuale.

Sono le parole che gli sono scappate durante il keynote tenuto al PASS (Professional Association for SQL) di Seatlle.
Ballmer ha dichiarato che l'alleanza con Novell è stata fatta poichè Linux viola la priorietà intelletuale ed ha aggiunto che "Vogliamo gli appriopriati ritorni economici dalle nostre innovazioni".

L'accordo fra Novell e Microsoft a questo punto risulta chiarissimo, Novell ha fatto questo accordo per non vedersi citata in tribunale da Microsoft per violazione della priorietà intelletuale pagando un inutile tassa sull'innovazione.

Poca fiducia nella GPL e nel codice Linux? Il solito FUD della Microsoft?
Una mossa che a mio parere si ritorcerà presto contro Novell.

Ballmer nell'intervista continua dicendo che "Novell ci sta pagando per garantire ai propri clienti un adeguata tutela"
Spiega anche che stanno "lavorando" con altri vendor, "Suse non è l'unica priorità".

Non ci resta che aspettare a questo punto la risposta di Novell a queste poco promettenti dichiarazioni di Ballmer.

Non vi sembra di assistere ad un nuovo caso SCO?

Sono francamente molto perplesso.

Fonte dell'articolo:
http://www.computerworld.com.au/index.php/id;839593139;fp;16;fpid;1


In:



Commenti

Ritratto di ntropia
#1

Inviato da ntropia il Mer, 22/11/2006 - 18:53.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Siccome tutti, Ballmer in primis, parlano di violazioni e piogge di fuoco (meno male che la Novell ha comperato un "economicissimo" ombrellino) quali sono questi brevetti che Linux infrangerebbe? Riporto quello che ho scritto "in casa", su un'analoga discussione aperta nel forum di DebianItalia:

Ntropia ha scritto (su DebianItalia):
Quote:

Qualì sono? Domanda leggittima, visto che a sollevare il problema è una tra le 2 cariche più alte dell'azienda che li reclama.
E' facilissimo! I brevetti che vengono reclamati sono: Files, Users e Domains....
Nono, 'spetta: Fractals, Ubiquity e Datagrams...
Mmmm, o forse era: Fritti, Unti ma Digeribili...?

Oh, insomma, i dettagli non me lo ricordo, ma sono certo che l'acronimo sia F.U.D.

Sulla stessa discussione un utente (il saggio Pietro) ha riportato qualche link davvero interessante su alcuni documenti meglio noti come Halloween Documents (def. Wikipedia).

Mi pare si commentino da soli...

eNjoy



Ritratto di ap1978
#2

Inviato da ap1978 il Gio, 23/11/2006 - 11:58.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Sulle dichiarazioni di Red Hat sulla posizione di Novell nella lettera aperta:

1. Novell ha realmente usato i suoi brevetti per difendere la comunità Linux dalle accuse di SCO nella causa IBM.

2. SuSE, già sotto Novell, è stata tra i promotori del voto contro i brevetti software.

Red Hat fa ciò che fanno tutti coloro che si trovano attaccati su più fronti, prova a difendersi in tutti i modi e cercando di nascondere i fatti che la riguardano: il patto con Oracle, la concorrenza non trascurabile dell'identica e gratuita CentOS, e il suo lento avanzamento tecnologico.

Red Hat, escludendo Selinux, che spesso è un problema più che un vantaggio, è praticamente congelata alla storica RH 9 per quanto riguarda diversi aspetti di usabilità e gestione.

Per quanto riguarda l'abbandono di Mono, sono scelte, ma indubbiamente .Net sarà una piattaforma molto utilizzata ed è, secondo me, la strada su cui puntare se si vuole davvero parlare di portabilità delle applicazioni, soprattutto sul desktop.

Java non ha avuto in passato molto successo non tanto per questioni di licenza (ai tempi non ci si poneva, giustamente, il problema), ma per ragioni di prestazioni.
Le applicazioni Java sono lente (guardiamo Azureus ed Eclipse), mentre quelle .Net non lo sono così tanto (Monodevelop, banshee).

Ciao

ap Big Grin



Ritratto di ap1978
#3

Inviato da ap1978 il Gio, 23/11/2006 - 12:23.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Quote:

Zutron Inviato: 22/11/2006 14:07:22

Cmq io non mi preoccuperei più di tanto, sono talmente talmente talmente tanti stì pseudobrevetti, che tutto il mondo informatico mondiale commette ogni secondo violazioni su violazioni, questo mi fà pensare che stò sistema elefantiaco di brevettare ogni cosa sia destinato a cambiare drasticamente prima o poi.

E' vero, in parte. Moltissime sono le violazioni in corso e moltissime sono sotto gli occhi di tutti.
Per citare esempi noti:

- Il doppio click
- Il menu start
- Il desktop 3D

Sono tutti brevetti di casa Microsoft. Ma quante cause ci sono state in passato? Pochissime. Perchè? Semplicissimo, non conviene.

Ciao

ap Big Grin



Ritratto di barravince
#4

Inviato da barravince il Gio, 23/11/2006 - 14:46.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Ciao,
Se il desktop 3d è un brevetto Microsoft , dove è il software che mette in pratica questo brevetto?
Xgl esiste da molto prima di vista (almeno lo sviluppavano da anni prima, pur se di nascosto), quindi non ne vedo il motivo.
Secondo me è vero, in questi anni c'è la gara ai brevetti.

Vincenzo Laughing



Ritratto di ap1978
#5

Inviato da ap1978 il Lun, 20/11/2006 - 22:57.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

Ferdybassi e barravince: chiunque può includere e ridistribuire l'add-on, che quindi deve essere in una licenza compatibile con quella di OOo.

Ciao

ap Big Grin



Ritratto di maurog
#6

Inviato da maurog il Gio, 23/11/2006 - 15:49.

Re: Ballmer: Linux usa la nostra proprieta intelletuale!

@ap1978:
Quote:

Per quanto riguarda l'abbandono di Mono, sono scelte, ma indubbiamente .Net sarà una piattaforma molto utilizzata ed è, secondo me, la strada su cui puntare se si vuole davvero parlare di portabilità delle applicazioni, soprattutto sul desktop.

Il problema è che RH non ha mai abbracciato MONO. Quindi non lo ha neppure abbandonato. Per il resto da programmatore C# (uso mono per lavoro) sono pienamente d'accordo con te.
Sul perchè RH non ha mai creduto in MONO si potrebbero scrivere libri (e sono già stati scritti in altri luoghi).
Però su una cosa RH ha ragione, MONO è rilasciato un po' a casaccio. Nella 1.1.9 tutto andava bene, nella release successiva dichiarata stabile la 1.1.13 c'era più buchi che in un gruviera. Ed indovina? la 1.1.17 funziona benone, la 1.2 è peggio della 1.1.13, mentre la 1.2.1 è ritornata su standard accettabili. Ora mi chiedo, cosa costava a loro aspettare 5 giorni (distanza tra la 1.2 e .a 1.2.1) e rilasciare subito un prodotto decente?

Quote:

Java non ha avuto in passato molto successo non tanto per questioni di licenza (ai tempi non ci si poneva, giustamente, il problema), ma per ragioni di prestazioni.
Le applicazioni Java sono lente (guardiamo Azureus ed Eclipse), mentre quelle .Net non lo sono così tanto (Monodevelop, banshee).

Io sono allergico a JAVA e non mi piace parlarne, ma non puoi paragonare Eclipse a Monodevelop. La prima funziona e bene, il secondo è poco più che una ALPHA. Se poi vuoi dire che Monodevelop promette bene, allora ti dò ragione.
Mauro
PS non ho frequentato molto il forum, ma viste le reazioni non posso che rammaricarmi per la tua scelta di lasciare come moderatore.

Citazione:


Quando noi sentiamo la forza, allora daremo il meglio per ogni minuto in un'ora senza pensare ai restanti.
Opus - Life is life