Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Ven, 03/11/2006 - 03:09

Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Inviato da Stefano 77 commenti

Qualcosa nel mondo Linux sta cambiando, i tempi si stanno facendo maturi, il software libero ha saputo dimostrare negli anni di avere un valore al di sopra di tutte le aspettative, anche quelle commerciali.
Novell sta facendo passi da gigante e sta riuscendo giorno per giorno a scalfire il predominio commerciale di Redhat imposto negli ultimi anni.

Proprio oggi il
Wall Street Journal ha fatto luce su un rumor che circolava da tempo, Novell e Microsoft si sono alleate per distribuire Linux. Sembrava impensabile ma è proprio così.

Questa l'immagine che appare sulla sezione Microsoft appena allestita nel sito Novell:

http://www.novell.com/linux/microsoft/

Secondo Steve Ballmer questa nuova partnership sarà il ponte che unirà il software libero al software proprietario.
Il CEO di Novell nella sua lettera aperta alla comunità conferma quanto detto da Ballmer e spiega la mossa di Microsoft come soluzione alle richieste dei clienti, i quali richiedono sistemi misti fatti da software libero e software proprietario.
Aggiunge anche, che Microsoft porterà significanti energie allo sviluppo di Linux ((n.d.r: In termini finanziari?)
Questa coesistenza, continua, sarà un beneficio per l'intero mercato.

I punti su cui lavoreranno sono diversi, si parla di problematiche e salvaguardia di licenze, virtualizzazione, interoparibilità fra Openoffice e il nuovo formato XML del nuovo Microsoft Office, potenziamento dei vari framework di collaborazione(Mono e Samba).

Dichiara, inoltre, che nei prossimi cinque anni si lavorerà duramente per potenziare questi aspetti.

Insomma è stata messa tanta carne al fuoco, la notizia è eccitante, porterà di certo tanta confusione nelle comunità. Microsoft negli anni è stata sempre antagonista allo sviluppo di Linux.

Vedremo insieme se questa partnership porterà dei buoni risultati, oggi commentare e fare previsioni risulta ancora molto difficile.

E voi comunità Suse cosa ne pensate?


In:



Commenti

Ritratto di Strider
#1

Inviato da Strider il Sab, 04/11/2006 - 23:04.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Completamente d'accordo su tutto con ap1978. Soprattutto sul fatto che mi sembra che si stiano facendo troppi commenti senza avere nessuna base certa. Mi sembra che molti diano già per scontato che sotto ci sia qualcosa di losco per distruggere l'open sourse e questo mi sembra tantomeno avventato. Io semplicemente penso che microsoft abbia subodorato che è finito il tempo in cui poteva fare il bello e il cattivo tempo e che ora più che le guerre, per restare a galla, servono accordi con il mondo open source. Solo pochi giorni fa ORACLE ha dichiarato di voler sviluppare Linux per i server per conto proprio staccandosi di fatto da Red Hat per sviluppare una distro Linux da sola. Tutte le grosse aziende guardano a Linux con enorme interesse, IBM per prima. Questo penso sia il vero motivo per cui microsoft abbia fatto questa mossa. Per non rimanere tagliata fuori. Io non sono così convinto che microsoft attualmente sia in una posizione di forza nei confronti di Novell da poter dettare legge anzi sono convinto del contrario. Sarò un'illuso ma io tutto questo lo vedo come una grossa vittoria di Linux e del mondo Open Source. Comunque capisco che bisogna sempre stare all'erta e tenere gli occhi bene aperti.



Ritratto di barravince
#2

Inviato da barravince il Dom, 05/11/2006 - 00:05.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Ciao,
Alberto mai pensato a fare l'avvocato? Wink
I commenti infondati di cui parlavi erano (penso) perchè tutti in questi anni abbiamo subito le continue denigrazioni di Microsoft, questo ha attribuito un odio fra utenti linux vs. Microsoft.
È vero sono un moderato, infatti ripeto, non ho problemi a vedere convovere open e closed, ma non mi sarei mai aspettato che una società come Microsoft (ricordo la campagna "Get The Facts") si sia mai schierata con open source.
Vediamo le mosse che fa Microsoft, può essere che un giorno mi pentirò di aver detto che Microsoft sia contro Linux & Co. , quindi sarà solo questione di tempo :idea:

Vincenzo Laughing



Ritratto di mcastel
#3

Inviato da mcastel il Dom, 05/11/2006 - 01:17.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Complimenti per l'intervento di Alberto, che trovo pacato, informativo e ben rifornito di sano buon senso. Putroppo mi pare che nella rete siano sovente evidenti dei commenti piuttosto "preoccupati" (quando non "risentiti") di persone spesso non informate quanto si dovrebbe. Non dico che la preoccupazione non possa essere legittima, ma che almeno un pizzico di apertura e curiosità forse potremmo tenercela, e poi giudicare con calma...

Mi sono permesso di prenderne un pezzetto per il mio blog Wink

Saluti,

Marco
http://mcastel.wordpress.com

Marco C.
Linux Registered User #306621



Ritratto di kripsio
#4

Inviato da kripsio il Dom, 05/11/2006 - 03:24.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Non condivido l'intervento di ap.
Stilisticamente perfetto, sicuramente d'effetto.
Il problema è che l'accordo, essendo interno alle aziende, non sarà divulgato e non sarà reso pubblico sino a quando non succederà qualcosa di grave ed a quel punto sarà dannatamente tardi.
Non abbiamo (e non avremo) per ovvi motivi i dettagli dell'accordo. Io la vedo _molto_ male ma, come giustamente affermi, sono solo sospetti (imho fondati) relativi soprattutto al problema dei brevetti.
Io mi muoverei o per sapere (inutile) o per arginare un eventuale problema futuro.
Il software libero è uscito vincitore dal caso SCO perchè mal architettato. Che gli avvocati di Novell e MS si siano riuniti per mesi per attuare l'accordo mi induce ancora più a pensare che vogliano trovare una strada per legittimare i brevetti software (anche in europa) senza danno di immagine per le aziende (se MS esercità la paternità di un brevetto usato in progetti liberi fa una magra figura, certo se la sostiene Novell che da anni lavora col software libero...), rendere nulle le cause antitrust e di fatto rendere il software modificabile da pochi... questo farà bene alle _loro_ imprese, potrebbe far un po' di bene tecnicamente all'interoperabilità (ma secondo me la strada da percorrersi deve andare sugli standard noti e conosciuti e non in tribunale) ma sicuramente manda a scatafascio tutte le _altre_ imprese che lavorano con e sul software libero.



Ritratto di semiasse79
#5

Inviato da semiasse79 il Lun, 06/11/2006 - 17:29.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Ormai e' inutile fossilizzarsi sul discutere la correttezza della fonte.La notizia distorta o meno e' arrivata e vanta tutti gli aspetti di una manovra decisamente finanziaria e tutta strategica soprattutto per M.La prospettiva(come presentata ora) potrebbe ritenersi vantaggiosa solamente per il lato aziendale nell'implementazione di active directory,virtualizzazione e tutto quello che concerne l'interoperabilita' lato server.Per l'utente comune il solo vantaggio in vista e' l'adozione di open document da parte di M.
E' vero anche che tutti sappiamo benissimo che novell in quanto azienda deve pensare a mantenere la sua posizione con i suoi progetti giustamente closed per il normale piano aziendale.
E' vero che tutti i progetti distribuiti sotto GPL non possono essere intaccati direttamente quindi vivranno grazie ad essa.
E' anche vero pero' che in tantissimi utenti e programmatori avendo visto l'appoggio ai progetti open source (come opensuse,xgl,ecc) da parte di novell,ha dato non dico sicurezza ma un buon supporto morale.Vedere ora un acerrimo nemico del mondo open source,in percentuale convertito e cosi' vicino,nonche' solamente velato dalla presenza di novell, mette un po' di ansia.
Ho letto anche in questa discussione,che bisognerebbe lasciare da parte le ideologie e cercare di cogliere i lati positivi.Credo di essere in minima parte d'accordo in quanto tutto il mondo linux ed open source e' cresciuto e si basa su una idea o ideologia ben precisa,e se ora come non mai vi e' questo interesse da parte di altri al mondo open source e' grazie a tali IDEOLOGIE(che ovviamente vanno mantenute e non estremizzate).Poi in ogni cosa possiamo trovare cose buone o cattive.
Guardiamo cosa accadra' e speriamo che sappiano mantenere distinto l'open dal closed.

P.S.:Rimango perplesso sul punto in cui citano alcuni articoli, di una royalty che pagherebbe la Novell ad M. in base al fatturato derivato da questa manovra,e la novell se ne sta con le mani in mano?Se fosse cosi' assomiglia tanto ad una vecchia storia che iniziava cosi <<..all'inizio cp/m poi 86-dos il resto lo sapete >> Thinking

"..potranno fermare uno di noi,ma non potranno fermare tutti...(DM)"



Ritratto di jklarry
#6

Inviato da jklarry il Gio, 09/11/2006 - 12:04.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Salve a tutti, io sono da poko utente suse o meglio utente linux. Avverto a tutti che nn ho letto tutta la pagina ma x quanto ho capito mi basta per esprimere questo commento.
SuSE, o meglio linux in generale mi ha colpito molto x il fatto ke è il "nostro", cioè nn appartiene a nessuno. Per questo è anke + sudato quindi ci si deve lavorare mentre x quanto riguarda microsoft c'è babbo Bill che compra tutto e ti costringe ad utilizzare software da lui stesso offerti.
Allora si dice ke windows è il sistema operativo + usato, allora le prodruttrici di hardware ( es le schede video ) fanno driver x windows xkè la gente quello compra.

Allora io direi, che microsoft x far del bene a "linux" non deve collaborare col lui, ma dovrebbe far in modo che i giochi, i driver fossero scritti anke x il pinguino.
Secondo me linux andrebbe solo a perdere se fosse infangato da microsoft, per me è questione di tempo windows cederà il posto a linux è questo quello che pensa babbo Bill!!!!! 8-)



Ritratto di claudio_koa
#7

Inviato da claudio_koa il Dom, 05/11/2006 - 15:48.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

ciao sono pienamente d'accordo con atidem ha riassunto la situazione mega bene... io la penso esattamente come lui.

Coltiva linux che tanto windows si pianta da solo



Ritratto di ap1978
#8

Inviato da ap1978 il Dom, 05/11/2006 - 17:13.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

@Barravince: Come avvocato non mi vedo proprio. Non sopporto la burocrazia. Per quanto riguarda Get the facts, è vero. Microsoft ha attaccato Linux da sempre, ma ora ne riconosce l'importanza. E' un passo in avanti.

@kripsio: Io non vedo cospirazioni ovunque. Come ho detto, l'accordo sui brevetti è ovviamente interno a Novell e Microsoft e limitato. Ma ovviamente non può riguardare i software rilasciati con licenza GPL. Ovviamente i vantaggi saranno per lo più per Novell e Microsoft, senza dubbio. Ma, ripeto, già oggi Microsoft e Novell possono far valere i loro diritti brevettuali.

@lelec: Alla fine dell'accordo samba, mono e OOo dubito ci saranno problemi seri. Gli sviluppatori non commerciali non saranno comunque accusabili di nulla, quindi gran parte della comunità sarà protetta. Per quanto riguarda le aziende, ovviamente ci saranno versioni di software completamente sotto licenza GPL. Probabilmente MS e N creeranno add-ons che in parte saranno rilasciati e in parte resteranno a loro uso esclusivo.
Faccio notare una cosa: la questione brevetti riguarda quasi essenzialmente gli Stati Uniti. In Europa i brevetti software non esistono e quindi tutto questo ci riguarda da molto lontano.

@atidem: Valuto l'accordo positivamente perché ho letto i documenti ufficiali e da quanto dicono è positivo. Il rimanente sono opinioni.

Al resto ho già risposto.

Chiarisco solo un punto, che indica, indipendentemente da chi ha scritto la frase e dal suo peso nella comunità, quanto poco trasparenti siano certi giudizi.
Qualcuno tra i critici ha definito "utente commerciale" chiunque esegua transazioni commerciali tramite il PC. Un bell'esempio di definizione schierata. Sappiamo tutti, evitando polemiche e tentativi di vedere problemi inesistenti, che una casalinga che usa l'home banking non è utente commerciale. Almeno su questo pianeta.

P.S. La notizia è riportata, in italiano, in modo pacato, professionale e trasparente su Punto Informatico: http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1736070&r=PI

Ciao

ap Big Grin



Ritratto di ap1978
#9

Inviato da ap1978 il Lun, 06/11/2006 - 23:41.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

@semiasse79: Le royalties sono bidirezionali. Novell paga MS e MS paga Novell. C'è scritto nel comunicato ufficiale.

Per quanto riguarda l'ideologia, attenzione a non confonderla con l'ideale. Un conto è avere l'ideale di software aperto, un conto è sostenerlo a tutti i costi e non accettare altro. Sostengo senza dubbi il software aperto, ma non voglio, come alcuni stanno tentando di fare, imporlo a tutti i costi. Non si sarebbe diversi da coloro che vogliono imporre il software chiuso.

@atidem: Novell dovrebbe fare semplicemente ciò che sta facendo, ancora una volta. Cioè lasciare ai suoi sviluppatori totale libertà di esprimere posizioni non in accordo con i piani aziendali. L'ha sempre fatto e sta continuando a farlo.

Per quanto riguarda l'accordo MS-Comunità, non aggiunge nulla di nuovo a quanto si sa. MS concede diritti di sua volontà e si riserva di modificarli. E' pratica comune, essendo suo ciò che concede.

@kripsio: Il brevetto è uno strumento di difesa temporanea della proprietà intellettuale e dell'innovazione. Un modo per tutelare gli investimenti che un'azienda ha fatto in ricerca. Detenere brevetti significa detenere ricchezza, tant'è che tra le multinazionali esiste un vero mercato brevettuale. E in questo non c'è nulla di male.
Tuttavia, In Europa i brevetti sul software continuano a non avere alcun valore e l'UE ha bocciato l'idea della brevettabilità software. L'alleanza tra Novell e Microsoft non cambia le cose.
Il motivo per cui MS non ha rivendicato i brevetti sulle piccole e medie imprese non è il danno d'immagine, ma la scarsa convenienza dell'operazione. Costa di più una causa di quanto MS ne ricaverebbe. Il discorso, ovviamente, cambia per le grandi aziende.

Ciao

ap Big Grin



Ritratto di kripsio
#10

Inviato da kripsio il Mar, 07/11/2006 - 11:42.

Re: Microsoft alla riscossa nel mondo Linux

Quote:

Sostengo senza dubbi il software aperto, ma non voglio, come alcuni stanno tentando di fare, imporlo a tutti i costi. Non si sarebbe diversi da coloro che vogliono imporre il software chiuso.

Anche se legalmente non possono farlo violando la licenza gpl, di fatto sarà facile che accadrà quello che ho scritto sopra e quindi di fatto, in barba alla GPL, chiuderanno il software aperto che è cosa ben diversa dallo scrivere software chiuso.

Quote:

Il brevetto è uno strumento di difesa temporanea della proprietà intellettuale e dell'innovazione. Un modo per tutelare gli investimenti che un'azienda ha fatto in ricerca. Detenere brevetti significa detenere ricchezza, tant'è che tra le multinazionali esiste un vero mercato brevettuale. E in questo non c'è nulla di male.
Tuttavia, In Europa i brevetti sul software continuano a non avere alcun valore e l'UE ha bocciato l'idea della brevettabilità software. L'alleanza tra Novell e Microsoft non cambia le cose.
Il motivo per cui MS non ha rivendicato i brevetti sulle piccole e medie imprese non è il danno d'immagine, ma la scarsa convenienza dell'operazione. Costa di più una causa di quanto MS ne ricaverebbe. Il discorso, ovviamente, cambia per le grandi aziende.

Temporanea.. certo... mi para durino 20 anni.. ah sì 20 anni fa nascevano l'Amiga 1000 e l'Apple Machintosh, Lisa era da poco sul mercato.... serve che continui?
Il brevetto sul software è _male_ senza se e ma, come si evince da questa discussione porta il software da essere sviluppato a essere difeso in tribunale, sarà un caso che i soli che difendono la brevettabilità sono gli avvocati e le multinazionali che possono scambiarsi i brevetti?
http://www.linux.it/GNU/nemici/brevetti.shtml
http://www.nosoftwarepatents.com/it/m/intro/index.html

Io sono complottista e macchiavellico, vero, ma ti invito a leggere un pochetto di storia recente.
Ricorderai la causa Sco vs Linux, ricorderai che Ibm aprì un fondo per le spese legali della comunità ed anche Novell diede la sua mano alla comunità. MS stanziò alcune decine di milioni di dollari a favore di SCO.
In quel caso MS voleva palesemente affossare IBM ed il mondo del software libero di riflesso.
Credo che gli ultimi documenti su sco risalgano al 2005, un anno fa o poco meno, roba fresca soprattutto in tempi aziendali.
Sco non vinse e Linux è sempre più usato anche perchè nel frattempo (fine 2004) un certo miliardario ha fondato il progetto Ubuntu che inaspettatamente mette sulla bocca di tantissime persone Linux...
In Italia per il Linux Day 2004 servizi sulle tv regionali, nel 2005 sui rai 3, quest'anno su rai 1...
Non sono eventi slegati gli uni con gli altri.
Il modello del software libero funziona, si può fare business con questo ma non in tribunale, sui mercati. Questo non va bene dell'accordo, non tanto che novell abbia stretto un accordo commerciale ma che abbia dato il segnale che il software si debba scrivere con un pool di avvocati alle spalle perchè altrimenti violo i brevetti:
Sarebbe come se Clapton dovesse stare attento a non usare la pentatonica per i suoi Blues.

ciauciau